Diritto e Fisco | Articoli

Testamento pubblico con il notaio: vantaggi e svantaggi

9 Agosto 2013
Testamento pubblico con il notaio: vantaggi e svantaggi

Quali sono i vantaggi e quali gli svantaggi della scelta del testamento pubblico?

Il testamento pubblico ha il vantaggio che è redatto da un notaio, e cioè da un professionista particolarmente esperto in questo campo. Peraltro, l’intervento del notaio genera indubbiamente costi (che, in caso si tratti di beni di valore consistente, non possono essere considerati eccessivi, se si considera l’importanza di un professionista qualificato) che non si hanno nel caso del testamento olografo che sia redatto senza assistenza professionale.

Tra gli svantaggi va inoltre considerato che manca nel testamento pubblico la certezza di una assoluta segretezza, a causa della necessaria presenza dei testimoni.

La consegna al notaio non è necessaria.

Infatti, una volta scritto, il testamento olografo non deve essere custodito dal notaio ma può ben essere conservato personalmente dal testatore o da lui consegnato a una persona di fiducia (un parente, un amico o un altro professionista). È chiaro tuttavia che se il testatore conserva presso di sé il testamento, potrebbe verificarsi sia il caso che il testamento non venga mai più ritrovato, sia che qualche malintenzionato ne alteri il contenuto o addirittura sopprima il testamento.

Se la scheda testamentaria è consegnata a un notaio, inoltre, è più facile il suo ritrovamento da parte degli eredi, i quali, anche se non conoscono il nome del notaio che ha ricevuto in deposito il testamento, possono pur sempre domandare all’Archivio Notarile o al locale Consiglio notarile che a ciascun notaio sia chiesto di rivelare se tra i suoi atti conserva anche il testamento del soggetto deceduto.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA