Cronaca | News

Incidenti: tornano le stragi del sabato sera

14 Dicembre 2019
Incidenti: tornano le stragi del sabato sera

Il bilancio tragico: 50 morti e 166 feriti nei fine settimana degli scorsi due mesi; molti incidenti avvengono al Sud. Tra le cause l’allentamento dei controlli.

“Nei due mesi di ottobre e novembre registrati 79 incidenti gravi nei quali sono morti 50 giovani e 166 sono rimasti feriti”. Lo rileva l’Osservatorio Asaps (Associazione sostenitori ed amici della Polizia stradale) sulle ”Stragi del sabato sera” in un comunicato diffuso dall’agenzia stampa Adnkronos.

“Nei primi 3 fine settimana di ottobre 2019, nelle 16 ore maledette che vanno dalle 22 del venerdì alle 6 del sabato e dalle 22 del sabato alle 6 della domenica – si spiega -, l’Osservatorio dell’Asaps aveva già registrato 27 incidenti importanti (solo quelli con vittime e feriti gravi), col coinvolgimento di giovani e con conducenti sotto i 40 anni. Nei 27 schianti purtroppo si sono contati 24 morti e 46 feriti.

Nel primo fine settimana (5-6 ottobre), sono stati registrati 9 incidenti che hanno causato 8 vittime e 23 feriti. Nel secondo fine settimana (12 – 13 ottobre), sono stati registrati ancora 9 incidenti che hanno causato 11 morti e 11 feriti. Nel terzo fine settimana (19 -20 ottobre), sono stati registrati sempre 9 incidenti che hanno causato 5 morti e 12 feriti.

Dei 27 incidenti delle notti del fine settimana, 8 sono avvenuti al nord, 8 al centro e ben 11 al sud di cui tutti e tre plurimortali: due con 4 vittime e 1 con due, a dimostrazione che i timori avanzati dall’Asaps di un coinvolgimento sempre più importante delle regioni del Sud nello ”stragismo stradale” delle notti del fine settimana, erano assolutamente fondati”.

I dati di novembre sono stati solo un po’ meno negativi 23 vittime mortali e 99 feriti – prosegue – Il dato complessivo dei due mesi secondo l’Osservatorio Asaps ci indica 79 incidenti gravi (35 al nord, 20 al centro e 24 al sud nei quali sono morti 50 ragazzi e 166 sono rimasti gravemente feriti. E il primo fine settimana di dicembre ha confermato una situazione di rischio elevato”.

“L’allentamento dei controlli, con la carestia segnalata più volte degli etilometri, solo ora in lenta ripresa e qui va riconosciuto lo sforzo fatto dal ministero dei Trasporti con più banchi di prova per la revisione annuale e disponibilità di maggior personale dedicato alle suddette attività, la carenza sempre più pronunciata di pattuglie soprattutto lungo le strade statali e provinciali cioè proprio quelle col più elevato tasso di mortalità, e l’ormai assoluta latitanza di campagne contro l’abuso di alcol e l’uso di droghe alla guida, completano il quadro motivazionale di questa situazione alla quale si è aggiunto l’uso ormai indiscriminato dei cellulari alla guida sia in fonia e ancor più in messaggistica e navigazione sul web. A dimostrazione che appena si abbassa la guardia i fenomeni tragici sulle strade tornano a riproporsi drammaticamente”, conclude l’Osservatorio.


note

Immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. E la maggior parte delle volte sono i nostri ragazzi le vittime di questi tragici incidenti… Dovrebbero insegnare nelle scuole, oltre che alla motorizzazione e nelle famiglie, i rischi che si possono correre mettendosi alla guida quando non si è perfettamente lucidi. Un colpo di sonno, la distrazione stando ai cellulari, l’alcol, le droghe ecc sono le cause di queste tragedie. E quante famiglie aspettano i figli che non rincaseranno mai… immaginate come ci si possa sentire un genitore!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube