Diritto e Fisco | Articoli

Pensione Quota 100: è cumulabile coi nuovi voucher?

21 Dicembre 2019
Pensione Quota 100: è cumulabile coi nuovi voucher?

Ho 64 anni e sono andato in pensione con “Quota 100” in Aprile 2019. Mi mancano ora tre anni all’età per la pensione di vecchiaia. In questo lasso di tempo intenderei svolgere l’attività con “lavoro autonomo occasionale” regolato da art. 2222 c.c.

La mia domanda riguarda la natura e il numero di committenti che possono offrirmi opportunità di lavoro autonomo occasionale. Ho letto che nel caso dei voucher ci sono limitazioni per i committenti. Per es. per i voucher i committenti non devono avere in media più di 5 lavoratori subordinati.

Parlando di “Quota 100” e “lavoro autonomo occasionale” e della cumulabilità dei redditi fino a 5000 euro lordi annui, quanti committenti posso avere in un anno e i committenti possono avere più di 5 lavoratori subordinati? Quali criteri si applicano ai committenti in questo caso? Quali sono i riferimenti di legge?

È molto importante non confondere il lavoro autonomo occasionale, disciplinato dall’art. 2222 del Codice civile e, in merito agli aspetti fiscali, dall’art. 67, co. 1, lett. l, del Dpr 917/1986, col contratto di prestazione occasionale (cd. nuovi voucher), disciplinato dal Dl. 50/2017, le cui regole sono spiegate dettagliatamente nella circolare Inps 107/2017.

Difatti, solo il reddito derivante dal contratto di lavoro autonomo occasionale (art. 2222 Cod. civ.) è cumulabile col reddito derivante dalla pensione quota 100, nel limite di 5mila euro annui lordi.

L’Inps, nella circolare 117/2019, prevede poi ulteriori redditi che non rilevano ai fini della cumulabilità con la pensione quota 100:

  • le indennità connesse a cariche pubbliche elettive;
  • i redditi di impresa non collegati ad attività lavorative;
  • le partecipazioni agli utili derivanti da contratti di associazione in partecipazione senza apporto di lavoro;
  • i compensi percepiti per l’esercizio della funzione di sacerdote;
  • le indennità percepite per l’esercizio della funzione di giudice di pace, giudice onorario aggregato o giudice tributario;
  • l’indennità sostitutiva del preavviso, in quanto ha natura risarcitoria e non retributiva;
  • i redditi derivanti da attività socialmente utili svolte nell’ambito di programmi di reinserimento degli anziani;
  • le indennità percepite per le trasferte e missioni fuori del territorio comunale;
  • i rimborsi per spese di viaggio e di trasporto;
  • le spese di alloggio;
  • le spese di vitto che non concorrono a formare il reddito fiscalmente imponibile;
  • l’indennizzo per la cessazione dell’attività commerciale.

Tra questi redditi non sono menzionati i compensi derivanti dallo svolgimento di un’attività lavorativa con contratto di prestazione occasionale (Dl 50/2017- cd. ex voucher).

Sempre nella stessa circolare 117/2019, l’Inps precisa che rilevano ai fini dell’incumulabilità della pensione i redditi derivanti dallo svolgimento di attività lavorativa diversa da quella autonoma occasionale.

Di conseguenza, anche se manca un chiarimento esplicito sulla cumulabilità della pensione quota 100 con i redditi derivanti dal contratto di prestazione occasionale (Dl 50/2017- cd. ex voucher), trattandosi di redditi derivanti dallo svolgimento di attività lavorativa diversa da quella autonoma occasionale sono da ritenersi non cumulabili.

Per quanto riguarda invece i redditi derivanti dal lavoro autonomo occasionale (art. 2222 Cod. civ.), cumulabili nel limite di 5mila euro annui lordi, non sussistono particolari limiti riguardo al numero di committenti, né limiti in capo ai committenti, in merito al numero di lavoratori autonomi occasionali. I limiti, infatti, sussistono solo in merito al contratto di prestazione occasionale (Dl 50/2017- cd. ex voucher), che però, come appena osservato, si ritiene incompatibile con la pensione quota 100.

L’importante è che l’attività risulti svolta saltuariamente (e non in modo continuativo), in modo non organizzato e non professionale, e con effettiva autonomia rispetto al committente: in caso contrario, il reddito derivante può essere ricondotto ad altre tipologie di attività (lavoro autonomo/ imprenditoriale/ professionale, parasubordinato o subordinato) e determinare, di conseguenza, la sospensione della pensione quota 100.

Articolo tratto da una consulenza resa dalla dott.ssa Noemi Secci, consulente del lavoro.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube