Diritto e Fisco | Articoli

Si al licenziamento del lavoratore con abbigliamento stravagante

10 Agosto 2013
Si al licenziamento del lavoratore con abbigliamento stravagante

Rilevante il look in tutti i casi in cui il lavoratore sia a contatto con il pubblico: il licenziamento non è discriminatorio.

Non si può considerare discriminatorio, e quindi è pienamente legittimo, il licenziamento inflitto dal datore di lavoro nei confronti di un dipendente che sia solito vestire con un abbigliamento stravagante: ciò a condizione che il lavoratore svolga una attività a stretto contatto con il pubblico (nel caso in questione, si trattava di un centro estetico), in un contesto lavorativo “in cui l’immagine, o meglio la particolare idea di immagine, per come voluta e costruita dal datore di lavoro, per insindacabile scelta aziendale, abbia un suo particolare rilievo”.

È quanto stabilito dal Tribunale di Bari, in una recente ordinanza [1]. Il look del lavoratore deve essere sempre compatibile con il contesto lavorativo scelto dall’imprenditore: non si può pertanto considerare discriminatoria la volontà del datore che imponga un determinato abbigliamento consono all’attività e alle scelte dell’azienda, specie se la prestazione lavorativa viene effettuata a contatto con il pubblico.

In generale, il licenziamento è discriminatorio (e quindi illegittimo) ogni qual volta derivi da una ritorsione del datore di lavoro contro un comportamento del dipendente considerato lecito dalla legge.  Tuttavia, non può essere considerato illecito e discriminatorio imporre al lavoratore un look consono al contesto lavorativo: ciò in quanto, “anche nell’ambito delle discriminazioni classiche, sono consentite deroghe al divieto antidiscriminatorio.


note

[1] Trib. Bari, ord. del 23.07.2013.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Basta che il capo si dia la briga di definire chiaramente le regole.
    Vedasi Cass. Civ. Sez. lavoro 9 aprile 1993 n. 4307
    Pretura di Roma 3 dicembre 1998

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube