Diritto e Fisco | Articoli

Assegnazione temporanea per il ricongiungimento anche con la cassa integrazione

12 Agosto 2013
Assegnazione temporanea per il ricongiungimento anche con la cassa integrazione

Il ricongiungimento del nucleo familiare potrebbe essere possibile anche in caso di cassa integrazione, poiché il rapporto di lavoro continua a essere vigente tra le parti.

Come noto,  la legge [1] sulla “Assegnazione temporanea dei lavoratori dipendenti alle amministrazioni pubbliche” dispone che il genitore con figli minori fino a tre anni di età, dipendente di amministrazioni pubbliche, può essere assegnato, a richiesta, anche in modo frazionato e per un periodo complessivamente non superiore a 3 anni, a una sede di servizio ubicata nella stessa Provincia o Regione, nella quale l’altro genitore esercita la propria attività lavorativa: ciò a condizione che vi sia:

– un posto vacante e disponibile di corrispondente posizione retributiva nell’amministrazione di destinazione;

– l’assenso delle amministrazioni di provenienza e destinazione.

L’eventuale dissenso da parte dell’amministrazione di provenienza deve essere sempre motivato. A riguardo dell’obbligo di motivazione, abbiamo parlato in un precedente articolo (leggi l’articolo: “Assegnazione temporanea della lavoratrice madre alle dipendenze della P.A.”)

L’assenso o il dissenso devono essere comunicati all’interessato entro trenta giorni dalla domanda.

Con riferimento alle ipotesi in cui il coniuge lavoratore sia posto in cassa integrazione, non risultano decisioni in merito da parte della giurisprudenza. Tuttavia ci sembra giustamente argomentata e condivisibile il parere fornito, a riguardo, sul Il Sole 24Ore (“L’Esperto Risponde”). Gli hanno ritenuto che la cassa integrazione sembra non incidere sulla previsione normativa, posto che il rapporto di lavoro, pur se sospeso in tutto o in parte, continua a essere vigente tra le parti. Pertanto anche il cassa integrato può chiedere il beneficio del ricongiungimento familiare.


note

[1] lArt.  42 bis del decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube