Questo sito contribuisce alla audience di
Diritto e Fisco | Articoli

I diritti del nonno nella riforma del diritto di famiglia

14 Agosto 2013
I diritti del nonno nella riforma del diritto di famiglia

Anche i nonni potranno far valere i propri diritti sul minore davanti al giudice: riconosciuto il diritto a mantenere rapporti significativi con i nipoti.

Con la recente riforma del diritto di famiglia [1], è stata eliminata la distinzione tra “figli legittimi” e “figli naturali”. D’ora in poi, si parlerà solo di figli. È stata così abolita così, ogni diseguaglianza tra i bimbi, nati da coppie sposate o da coppie di fatto. Soppressa anche qualsiasi discriminazione anche tra figli adottivi, se minorenni, i quali, con l’adozione, oggi non acquisiscono più lo stato di figlio “legittimo”, ma di figlio “nato nel matrimonio”.

Più tutela e garanzie per i nonni, che, grazie alla riforma, potranno vantare – e far valere in giudizio – il diritto di mantenere rapporti significativi con i nipoti, ferma la valutazione sulla compatibilità delle loro richieste, con il superiore interesse del minore. Difatti, il codice civile [2] dispone oggi che “gli ascendenti hanno diritto di mantenere rapporti significativi con i nipoti minorenni”.

Non solo. Il nonno, paterno o materno, cui sia impedito l’esercizio di tale diritto, potrà ricorrere al giudice del luogo di residenza abituale del nipote, al fine di ottenere l’emissione dei provvedimenti più idonei per soddisfare le esigenze dei minori, quali il diritto a conservare e mantenere rapporti significativi con gli ascendenti.

I nonni entrano così tra i soggetti legittimati dalla legge a far valere, innanzi ad un’aula di tribunale, i propri diritti nei confronti del minore. Perché se è vero che la legge ha così voluto istituire una sorta di diritto ad avere un nipote, dall’altro lato – e forse a maggior ragione – ha creato le basi al diritto dei minori ad avere un nonno.


note

[1] Legge n. 219/12.

[2] Nuovo articolo 317 bis cod. civ.


Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube