Diritto e Fisco | Articoli

Presunzione di paternità del marito più estesa se il parto avviene durante il matrimonio

14 Agosto 2013
Presunzione di paternità del marito più estesa se il parto avviene durante il matrimonio

Si estende la presunzione di paternità del coniuge a tutti i casi in cui il parto avviene durante il matrimonio.

La recente riforma del diritto di famiglia ha innovato anche in tema di presunzione di paternità del marito che ora risulta più estesa grazie a una modifica apportata al codice civile [1]. La nuova norma presume l’esistenza di un vincolo di sangue, non solo in relazione al figlio concepito – ma anche a quello “nato” – durante il matrimonio.

In particolare, da oggi si presume concepito durante il matrimonio il figlio nato entro trecento giorni dalla data dell’annullamento, dello scioglimento o della cessazione degli effetti civili del matrimonio [2], a prescindere dal fatto che la nascita sia successiva o precedente ai centottanta giorni dalla celebrazione.

Ciò che fa presumere la paternità del coniuge, in sostanza, è il collocarsi del parto durante il corso del matrimonio.

In ogni caso, il figlio può provare di essere stato concepito durante il matrimonio.

La prova della filiazione inoltre potrà essere data (non solo tramite testimoni, come prevedeva la vecchia formulazione del testo) ma con “ogni mezzo“. È stato dunque eliminato ogni limite agli strumenti cui ricorrere per dimostrare il legame di sangue, ove manchino l’atto di nascita e il possesso di stato che restano, ancor oggi, le principali prove della filiazione.

La scelta del legislatore di aprire agli accertamenti specifici tesi a dimostrare il vincolo di filiazione, deriva, come è evidente, dal fatto che l’attuale progresso della scienza, ne consente ormai un’agile prova.


note

[1] Art. 230 cod. civ.

[2] Art. 232 cod. civ.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube