Diritto e Fisco | Articoli

Alle assemblee di condominio deve partecipare il conduttore o il locatore?

14 Agosto 2013
Alle assemblee di condominio deve partecipare il conduttore o il locatore?

Alle assemblee di condominio deve partecipare il conduttore o il locatore?

In generale, legittimato ad intervenire è il locatore, salvo in alcuni casi [1]. In particolare, il conduttore ha diritto di voto, al posto del locatore, nelle delibere relative alle spese ed alle modalità di gestione dei servizi di riscaldamento e di condizionamento d’aria. Inoltre, egli ha il diritto d’intervenire, ma senza diritto di voto, nelle delibere relative alla modifica degli altri servizi comuni. In queste ipotesi l’avviso di convocazione deve, comunque, essere inviato al locatore, il quale, a sua volta, è tenuto ad avvisare il conduttore.

Circa, poi, l’obbligo per il locatore di avvisare il conduttore, entro cinque giorni dall’assemblea, la giurisprudenza non è unanime. Una parte, infatti, ritiene detto termine vincolante solo per l’amministratore nei confronti dei condomini [2]. Di contrario avviso è altra giurisprudenza [3], che fa discendere, dalla mancata comunicazione nei termini, il diritto per il conduttore ad agire nei confronti del locatore per il risarcimento del danno subito; il conduttore, comunque, non potrebbe agire nei confronti del condominio per l’impugnazione della delibera adottata dall’assemblea, posta l’estraneità del condominio al rapporto di locazione [4].

Torna all’articolo principale con la guida alle locazioni

 

Quali delibere può impugnare il conduttore?

Solo quelle per le quali egli ha diritto di voto ossia le spese ordinarie e le modalità di gestione dei servizi di riscaldamento e di condizionamento d’aria. Non può, invece, impugnare le delibere aventi ad oggetto la nomina dell’amministratore o l’approvazione del regolamento di condominio [5].

 

Torna all’articolo principale con la guida alle locazioni


note

[1] Previsti dall’art. 10 della L.27/07/1978, n. 392.

[2] C. App. Genova sent. del 22/07/85.

[3] Trib. Varese sent. del 04/07/79.

[4] Cass. sent. n. 4802/92.

[5] Cass. sent. n. 6843/1991.

 


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube