Concorsi pubblici: riaperte tutte le graduatorie degli idonei

16 Dicembre 2019
Concorsi pubblici: riaperte tutte le graduatorie degli idonei

Approvato lo scorrimento delle graduatorie dei concorsi pubblici dal 2011 in poi; ma occorrerà una prova di verifica dell’idoneità e un corso di aggiornamento.

Le amministrazioni pubbliche possono scorrere, anche integralmente, le graduatorie relative ai concorsi per il reclutamento del personale e senza il limite numerico dei posti messi a concorso. Lo prevede un emendamento alla manovra approvato oggi, per come ci informa la nostra agenzia stampa Adnkronos.

Questo significa che tutti gli idonei nei concorsi pubblici a partire dal 2011, che non sono riusciti a ottenere il tanto desiderato posto di lavoro, avranno un’altra chance. L’opportunità è resa possibile da un emendamento della manovra, approvato dalla commissione Bilancio del Senato, che consente alle pubbliche amministrazioni lo scorrimento delle vecchie graduatorie, a partire dal 2011, ovvero da quando è scattato il blocco delle assunzioni.

Tuttavia non sarà così semplice, perché l’assunzione non sarà automatica. I vincitori di concorso infatti, dovranno frequentare obbligatoriamente corsi di formazione e di aggiornamento, ma non solo, dovranno superare una nuova prova specifica, “un apposito esame-colloquio diretto a verificarne la perdurante idoneità“, proprio perché è passato tanto tempo dal momento in cui svolsero le prove concorsuali.

In particolare, le graduatorie approvate nel 2011 saranno utilizzabili fino al 30 marzo 2020, quelle approvate dal 2012 al 2017 sono utilizzabili fino al 30 settembre 2020 mentre quelle approvate nel 2018 e nel 2019 entro tre anni dalla loro approvazione.

Tali nuovi scadenze temporali aboliranno quelle precedenti, stabilite dalla legge di bilancio 2019, che miravano a ripristinare gradualmente la durata triennale della validità delle graduatorie dei concorsi. Con le nuove regole si cambia: adesso le graduatorie invece di rimanere vigenti “per un termine di tre anni dalla data di pubblicazione” lo saranno per “due anni dalla data di approvazione”. Le graduatorie dei concorsi approvate nell’anno 2019, infine, saranno utilizzate mediante scorrimento, per un ulteriore 30 per cento dei posti banditi.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube