Nuovi limiti al pignoramento presso terzi

18 Dicembre 2019
Nuovi limiti al pignoramento presso terzi

Cambiano le soglie sotto le quali non si possono più pignorare lo stipendio, la pensione e il conto corrente. 

Cambiano di nuovo – come del resto ogni anno, ormai, dal 2015 – i limiti al pignoramento presso terzi, ossia al pignoramento dello stipendio, della pensione e del conto corrente. E non solo: a variare è anche la determinazione del minimo vitale sotto il quale l’assegno pensionistico dell’Inps non può mai scendere a seguito del pignoramento. 

La materia dei pignoramenti presso terzi è stata modificata quattro anni fa con la riscrittura dell’articolo 545 cod. proc. civ. I limiti di pignoramento presso terzi sono determinati in base all’assegno sociale annualmente fissato dall’Inps. E, come ogni anno, anche questo dicembre l’Istituto di Previdenza ha comunicato il nuovo importo. Per il 2020, l’assegno sociale sarà pari a 459,83 euro. Questo significa che:

  • non si potrà pignorare il conto corrente con meno del triplo dell’assegno sociale, pari quindi a 1.379,49 euro se su questo viene accreditato lo stipendio da lavoro dipendente o la pensione;
  • non si potrà pignorare la pensione, in capo all’Inps, se questa è inferiore a 1,5 volte l’assegno sociale, pari quindi a 689,74 euro.

Ma vediamo meglio quali sono e come funzionano i nuovi limiti al pignoramento presso terzi.

Pignoramenti in banca

Tutte le volte in cui il creditore esegue un pignoramento in banca e, sul conto corrente vi è depositata solo la pensione o lo stipendio da lavoro dipendente, il pignoramento può avere ad oggetto:

  • quanto alle somme che si trovano già sul conto alla data di notifica del pignoramento, solo la parte che eccede il triplo dell’assegno sociale che, come detto, per il 2020 è pari a 1.379,49 euro. Quindi, se sul conto ci sono 2.000 euro, si potrà pignorare solo la differenza tra tale importo e 1.379,49 euro ossia 620.51 euro;
  • quanto ai successivi accrediti mensili a titolo di pensione o stipendio, resta fermo il limite di pignoramento di massimo un quinto.

Pignoramenti all’Inps

Se il creditore intende pignorare la pensione in capo all’Inps, prima cioè che venga versata al debitore, il pignoramento è di massimo un quinto che si calcola però sull’assegno al netto del cosiddetto minimo vitale. Il minimo vitale è pari a una volta e mezzo l’assegno sociale, ossia a 689,74 euro per il 2020. Quindi, una pensione più bassa di tale importo non può mai essere pignorata. Se, invece, viene superato tale tetto, il pignoramento si estende solo al quinto di ciò che avanza. Ad esempio, su una pensione di 1.000 euro, il pignoramento del quinto può avvenire solo su 310,26 euro(ossia 1000 – 689,74). 



16 Commenti

  1. Il pignoramento di stipendi e/o pensione presso terzi è di max un decimo. Il quinto è applicato sui redditi diversi dal lavoro dipendente o pensione.

      1. Puoi trovare maggiori informazioni nei nostri articoli:
        -Come si calcola il pignoramento del quinto dello stipendio https://www.laleggepertutti.it/268330_come-si-calcola-il-pignoramento-del-quinto-dello-stipendio
        -Pignoramento del quinto dello stipendio già pignorato https://www.laleggepertutti.it/286173_pignoramento-del-quinto-dello-stipendio-gia-pignorato
        -Pignoramento stipendio anche per due quinti https://www.laleggepertutti.it/176546_pignoramento-stipendio-anche-per-due-quinti
        -Cosa significa pignoramento dello stipendio https://www.laleggepertutti.it/282463_cosa-significa-pignoramento-dello-stipendio
        -Come evitare pignoramento stipendio https://www.laleggepertutti.it/182750_come-evitare-pignoramento-stipendio
        -Pignoramento stipendio: limiti https://www.laleggepertutti.it/208049_pignoramento-stipendio-limiti
        -Pignoramento stipendio con cessione del quinto: è possibile? https://www.laleggepertutti.it/182226_pignoramento-stipendio-con-cessione-del-quinto-e-possibile
        -Pignoramento stipendio: ultime sentenze https://www.laleggepertutti.it/286612_pignoramento-stipendio-ultime-sentenze

    1. e nel caso di c/c cointestato con moglie (disoccupata) e marito titolare di attività artigianale, cosa succede?

  2. Il pignoramento di stipendi e pensioni può essere di un quinto (e non di un decimo).
    Piuttosto una volta e mezza l’assegno sociale fanno euro 1.034,61 e non euro 689,74.
    Quindi le pensioni possono essere pignorate solo per l’importo eccedente quello di euro 1.034,61

    1. una volta e mezzo assegno sociale.

      se l’assegno per il 2020 sarà 460,00

      non capisco come ti venga il conto di 1.034,61.

      fa proprio 690,00 euro

  3. Sentite se x favore qualcuno può darmi delle informazioni…io prendo 716.00 euro di pensione i creditori possono prendere un quinto della mia pensione? Ringrazio anticipatamente….

  4. Agente di commercio.
    Saldo sul c/c bancario di € 580. Ben al di sotto dei 3 assegni sociali.
    Venerdì arrivata la cartella di pignoramento del c/c da parte dell’Agenzia dell’Entrate.
    Lunedì trattenuti dal conto € 440.
    Cosa faccio ?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube