Politica | News

Brexit: si accorciano i tempi per l’accordo tra Ue e Regno Unito

18 Dicembre 2019
Brexit: si accorciano i tempi per l’accordo tra Ue e Regno Unito

Ursula von der Leyen: «Poco tempo per negoziare accordo». 

Dopo la vittoria di Boris Johnson nelle elezioni del 12 dicembre la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen, intervenendo nella plenaria del Parlamento Europeo a Strasburgo ha affermato che «pensiamo che l’accordo di ritiro sarà ratificato di qui alla fine di gennaio». Dunque, resterà “pochissimo tempo” per negoziare un accordo tra Ue e Regno Unito sulla relazione futura, fino alla fine del 2020 (ci vogliono anni per negoziare un accordo commerciale). E’ quanto l’agenzia di stampa Adnkronos comunica alla nostra redazione.

«Ma quando guardo i coraggiosissimi eurodeputati che hanno difeso il Remain – continua – tutto quello che posso dire è che siamo desolati, ci mancherete: grazie per il vostro coraggio, grazie per essere stati al nostro fianco».

«Non ci mancheranno mai – dice ancora, tra le proteste degli eurodeputati del Brexit Party – quelli che gridano e protestano. E ora, grazie a Dio senza di voi, stiamo costruendo la nostra futura partnership con il Regno Unito».

«Dovrà essere la più stretta possibile – aggiunge – sarà chiaramente diversa da quella di oggi: il Regno Unito sarà un Paese terzo. La tempistica è estremamente sfidante finirà nel dicembre; ci lascia pochissimo tempo».

«Se non riusciremo a chiudere un accordo entro la fine del 2020 – avverte von der Leyen – avremo davanti a noi un’altra situazione sull’orlo del precipizio. Organizzeremo questi negoziati. Il primo febbraio saremo pronti a dare il mandato per i negoziati».

«Alla fine spero che avremo una partnership senza precedenti. Non è lafine di qualcosa, ma l’inizio di un rapporto tra vicini. Voglio che diventiamo buoni vicini con i nostri amici nel Regno Unito. Lunga vita all’Europa», conclude.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube