Occupazione: come sta andando

18 Dicembre 2019
Occupazione: come sta andando

Inps, Inail, Istat, Anpal e ministero del Lavoro comunicano i dati del 3° trimestre 2019 e analizzano il fenomeno: la crescita è lenta. 

In una congiunta, tutti gli enti interessati alle politiche occupazionali diffondono e analizzano i dati sulle assunzioni e trasformazioni del rapporto di lavoro avvenute nel 3° trimestre 2019. A redigere il rapporto, reso noto ora dall’agenzia stampa Adnkronos, ci sono l’Istat,il  ministero del Lavoro, l’Inps, l’Inail e Anpal (Agenzia nazionale politiche attive del lavoro).

Dai dati si evince che crescono anche nel terzo trimestre, anche se meno di quanto registrato tra gennaio e giugno scorsi, le assunzioni a tempo indeterminato: sono state +28 mila rispetto alle 131 mila nel secondo trimestre ed alle 195 mila del primo trimestre 2019. Ma al tempo stesso tornano ad aumentare, dopo due trimestri di calo, quelle a tempo determinato (+34 mila).

Queste tendenze, rileva l’analisi, sono influenzate dal rallentamento delle trasformazioni a tempo indeterminato (80 mila, rispetto a 158 mila del secondo trimestre). L’incidenza delle trasformazioni sul totale degli ingressi a tempo indeterminato (attivazioni e trasformazioni) infatti scende dal 22,3% dello scorso trimestre 2019 all’attuale 12,8%.

Le dinamiche occupazionali, comunque, rileva ancora la Nota trimestrale, “si sono sviluppate in una fase di persistente debole crescita dei livelli di attività economica confermata, nell’ultimo trimestre, da una variazione congiunturale dello 0,1% del Pil; il tasso di occupazione destagionalizzato si porta al 59,2% (+0,1 punti in confronto al trimestre precedente); l’aumento riguarda sia le donne sia gli uomini e soprattutto i giovani di 15-34 anni.

Tornando ai contratti a tempo determinato la nota congiunta annota ancora come sempre nel terzo trimestre 2019 il 35,2% delle posizioni lavorative abbia avuto una durata prevista fino a 30 giorni (il 12,6% un solo giorno), il 29,4% da 2 a 6 mesi e soltanto il 3,2% delle attivazioni supera un anno. Per i lavori non stagionali, nel terzo trimestre 2019 rispetto a un anno prima aumenta l’incidenza sia delle durate brevissime sia di quelle superiori all’anno. Dopo quasi sei anni di continua crescita, e dopo un periodo di massima espansione nel terzo trimestre 2018 con 418 mila unità, frenano le assunzioni di lavoratori in somministrazione tra luglio e settembre rispetto a quanto registrato lo scorso anno: 395 mila unità, -24 mila unità.


note

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube