Facebook mette in guardia chi entra nei gruppi no-vax

18 Dicembre 2019
Facebook mette in guardia chi entra nei gruppi no-vax

Un alert di Facebook sulle bacheche di gruppi contrari ai vaccini avvisa a documentarsi meglio prima di iscriversi e rinvia al sito dell’Oms.

Da oggi, come informa l’agenzia stampa Adnkronos, Facebook ha inserito un avviso per chi entra sulle pagine di gruppi “free vax” o “no vax“, che sostengono la vaccinazione libera o la contrarietà ai vaccini ufficiali. L’alert è posizionato, non a caso, prima di potersi iscrivere a questi gruppi, in modo da consentire alla gente di pensarci meglio.

Ecco il testo del messaggio che compare: “Questo gruppo parla di vaccini. Quando si tratta di salute, tutti desideriamo informazioni affidabili e aggiornate. Prima di iscriverti a questo gruppo, scopri perché l’Organizzazione mondiale della sanità consiglia i vaccini per ostacolare molte malattie. Visita Who.int”.

La pagina che Facebook consiglia di visitare e consultare è appunto quella dell’Oms, Organizzazione mondiale per la sanità. Un modo eloquente per indirizzare gli utilizzatori del social più diffuso al mondo verso un sito istituzionale pubblico e di dimensioni sovranazionali.

L’avviso ha però suscitato non poche polemiche. “Buongiorno censura!”, è uno dei numerosi commenti con cui la novità non è stata ben accolta da alcuni. Positive verso l’iniziativa di Facebook sono invece le reazioni della comunità medica e scientifica. Dal virologo Roberto Burioni, da sempre pro-vax, arriva “un plauso a Facebook Italia, che senza operare alcuna censura, ricorda a chi vuole iscriversi a un gruppo antivaccinista che la salute è una cosa importante e che è bene informarsi da fonti affidabili. La libertà di opinione non consiste nel poter gridare ‘al fuoco’ in un teatro affollato”, scrive il medico in un post sul suo profilo social.


note

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Facebook non si limita solo a postare questo annuncio dell’oms,va oltre, per esempio se si fa una ricerca di una pagina no vax, i risultati utili vengono sempre dopo 20 e piu’ pagine favorevoli ai vaccini.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube