Inps: assunzioni in aumento

19 Dicembre 2019
Inps: assunzioni in aumento

L’Istituto nazionale della previdenza sociale assume con contratti a tempo indeterminato, di apprendistato, stagionali e intermittenti, ma risultano in contrazione le assunzioni con contratti a tempo determinato e in somministrazione.

Dai dati resi noti dall’Osservatorio sul precariato dell’Inps, resta positivo ad ottobre anche se “in decelerazione” il saldo annualizzato tra assunzioni e cessazioni negli ultimi dodici mesi: +224.000, inferiore a quanto registrato alla fine di ottobre 2018 che denunciava un +389.000, nonché a quello registrato in tutti i mesi precedenti. Continuano a salire seppure più lentamente le assunzioni a tempo indeterminato che dal +72mila dell’ottobre 2018 è passato a +385mila dell’ottobre scorso mentre scendono vistosamente i rapporti a tempo determinato passati dai +152.000 dell’ottobre del 2018 a -238.000 dell’ottobre 2019.

Restano positivi anche i saldi annualizzati delle altre tipologie di rapporti in particolare dell’apprendistato e del lavoro intermittente, ad eccezione dei rapporti di somministrazione il cui saldo negativo tende, ormai da 6 mesi, a rafforzarsi. Gli incentivi previsti per stimolare l’occupazione stabile per gli under 35 varati nel 2017 conoscono un andamento altalenante: ad ottobre i contratti così attivati registrano un calo del 14,5% mentre i rapporti incentivati complessivamente costituiscono il 5,1% del totale dei rapporti a tempo indeterminato attivati (assunzioni + trasformazioni).

Complessivamente comunque, e al netto delle cessazioni, si legge nell’Osservatorio Inps, le assunzioni, riferite ai soli datori di lavoro privati, nei primi dieci mesi del 2019 sono state 6.154.000.

Tra gennaio-ottobre scorsi, rispetto allo stesso periodo 2018 vi è stato un netto incremento delle trasformazioni da tempo determinato a tempo indeterminato, passate da 416.000 a 603.000 (+187.000, +44,9%); in crescita risultano anche le conferme di rapporti di apprendistato giunti alla conclusione del periodo formativo (sono passate da 54.700 a 68.100: +24,5%).

Le cessazioni nel complesso sono state 5.654.000, in diminuzione rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente: la riduzione ha riguardato le cessazioni di contratti in somministrazione e di rapporti a termine; in crescita risultano invece le cessazioni di rapporti con contratto intermittente, stagionale, in apprendistato e a tempo indeterminato.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Per chi desidera entrare all’Inps, con siglio di prepararsi bene su bilancio e contabilità pubblica; pianificazione, programmazione e controllo e organizzazione e gestione aziendale; diritto amministrativo e costituzionale; diritto del lavoro e legislazione socialescienza delle finanze; economia del lavoro; principi di economia; diritto civile; elementi di diritto penale.. Per chi ha tempo di approfondire, sarebbe utile la fruizione di un corso di specializzazione per consulenti del lavoro o commercialisti.

Rispondi a Iolanda Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube