Cronaca | News

Corruzione: raccolti i dati sensibili di 170mila persone

19 Dicembre 2019
Corruzione: raccolti i dati sensibili di 170mila persone

Accuse di corruzione e accesso abusivo ai sistemi informatici: coinvolti dipendenti infedeli e 20 società.

Dall’indirizzo di residenza, allo stato patrimoniale, passando per le visure catastali, hanno illegalmente raccolto informazioni su 170mila persone in cambio di denaro. Come riporta una nota dell’agenzia di stampa Adnkronos, i finanzieri del Nucleo Speciale di Polizia Valutaria, sotto il coordinamento della Procura di Roma, hanno arrestato 6 persone (ai domiciliari) ed eseguito altre 6 misure cautelari (quattro sospensioni dal pubblico ufficio e due interdizioni dall’esercizio dell’attività imprenditoriale).

Coinvolte 20 società tra le quali 6 che si occupano di recupero credito mentre in totale gli indagati sono 90 sparsi in varie regioni d’Italia. Le indagini sono iniziate nel 2017 ma il giro di corruzione andava avanti dal 2013. Dipendenti ma anche pubblici ufficiali, utilizzavano in maniera abusiva le banche dati alle quali potevano accedere (Inps, Mef, Agenzia delle Entrate, Camere di Commercio e GdF) per acquisire informazioni per conto di privati che si rivolgevano alle società. Fra le persone coinvolte ci sono anche 5 dipendenti pubblici e due finanzieri ‘infedeli’.

In cambio delle informazioni che fornivano ricevevano soldi in contanti o ricariche su carte prepagate intestate ad altri. Gli episodi di corruzione documentati durante le indagini sono stati 47 con un tariffario che arrivava a 10 euro per ogni ‘visura’ effettuata. Nel corso dell’operazione, i finanzieri hanno sequestrato denaro e beni per circa 280mila euro.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube