Bollette acqua: la prescrizione scende a 2 anni

19 Dicembre 2019
Bollette acqua: la prescrizione scende a 2 anni

Ridotti i termini di prescrizione delle bollette acqua: dal 1° gennaio 2020 passeranno a 2 anni rispetto agli attuali 5, come è già avvenuto per luce e gas. 

Anche le bollette dell’acqua si prescriveranno in due anni: a partire dal 1° gennaio 2020 si ridurrà il termine di prescrizione che attualmente è di cinque anni. Lo ha stabilito l’Arera (Autorità di regolazione per Energia Reti e Ambiente) con una delibera diffusa oggi dall’agenzia stampa Adnkronos.

Si tratta delle bollette arretrate, che riguardano i casi di rilevanti ritardi nella fatturazione da parte del gestore al consumatore: così quando la bolletta arriva a distanza di tempo dall’erogazione dell’acqua, l’utente potrà eccepire la prescrizione – che non opera automaticamente, ma deve essere sempre richiesta – e così pagare solo gli importi fatturati relativi ai consumi entro i due anni più recenti.

La riduzione della prescrizione da 5 a 2 anni era, già stata introdotta per le forniture elettriche (le bollette della luce) dal 1° marzo 2018 e per quelle del gas dal 1° gennaio 2019, in attuazione della Legge di Bilancio 2018. Ora – spiega l’Autorità in una nota – questo medesimo termine si applica anche alle bollette dell’acqua che scadono dopo il 1° gennaio 2020.

Adesso i gestori, per trasparenza, saranno tenuti a emettere una fattura separata contenente esclusivamente gli importi per consumi risalenti a più di 2 anni. In alternativa questi importi dovranno essere evidenziati in maniera chiara e comprensibile nella fattura contenente anche gli importi per consumi più recenti di 2 anni.

In ogni caso, i gestori sono tenuti ad informare gli utenti della possibilità di eccepire gli importi prescrittibili e a fornire un format, un modello di richiesta di applicazione della prescrizione, già predisposto da compilare, per facilitare la comunicazione della volontà dell’utente di non pagare. Questi moduli dovranno essere resi disponibili anche sul sito internet e negli sportelli aperti al pubblico; dovranno essere indicati anche i recapiti a cui inviare la richiesta.

La medesima delibera dell’Arera stabilisce d’ora in poi anche una frequenza minima mensile delle fatturazioni, per evitare bollette troppo ravvicinate. Viene poi introdotto un meccanismo di premi e penalità che incentivi il miglioramento del servizio all’utenza ed i rapporti contrattuali. Il nuovo meccanismo si applicherà a tutti i gestori, anche i più piccoli. Leggi anche: novità bollette acqua ecco come cambiano.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube