Diritto e Fisco | Articoli

Versamenti al fisco: no sanzioni sui brevi ritardi e omessi versamenti per piccoli errori

19 Agosto 2013
Versamenti al fisco: no sanzioni sui brevi ritardi e omessi versamenti per piccoli errori

Con il ravvedimento spontaneo, si applicherà la sanzione del 30% solo sulla parte di versamento non effettuata: si riducono le sanzioni per omessi versamenti di modico valore o brevi ritardi.

 

È finalmente uscita la tanto attesa circolare dell’Agenzia delle Entrate con cui vengono ridotte le sanzioni ai contribuenti colpevoli di piccoli errori, ma che non abbiano manifestato un reale intento di evadere.

In buona sostanza, la nuova circolare [1] salva i versamenti insufficienti (ossia lievemente inferiori rispetto a quelli dovuti per una svista del contribuente che poi ha sanato l’errore) o eseguiti in ritardo di pochi giorni quando è evidente la volontà del contribuente di usare le definizioni agevolate, cioè gli strumenti deflativi del contenzioso, ravvedimento, mediazione, accertamento per acquiescenza o con adesione, o conciliazione.

Per sanare i carenti versamenti o i ritardi nei pagamenti, il contribuente può anche avvalersi del ravvedimento spontaneo. La sanzione del 30% sarà applicata solo sulla parte di versamento non effettuata (pertanto non sarà più applicata la sanzione del 30% sul totale degli importi versati entro i 30 giorni successivi alla scadenza, con lo 0,40% in più).

Ad esempio:il contribuente che doveva versare 100mila euro entro il 16 giugno, eseguendo il versamento dal 17 giugno al 16 luglio, doveva versare 100mila euro, più lo 0,40%, in totale 100.400 euro. Se nel periodo dal 17 giugno al 16 luglio ha versato 100mila euro, è soggetto alla sanzione del 30% solo sui 400 euro non versati.

La sanzione del 30% può anche essere ridotta con il ravvedimento sprint entro 14 giorni, il ravvedimento breve entro 30 giorni, o il ravvedimento lungo entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all’anno nel corso del quale è stata commessa la violazione.


note

[1] Circolare Ag. Entrate n. 27/E del 2 agosto 2013.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube