Diritto e Fisco | Articoli

Cartine e sigarette: nuove tasse

20 Dicembre 2019
Cartine e sigarette: nuove tasse

Micro tassa su cartine e filtri per le sigarette «da arrotolare» è a carico di produttori o fornitori nazionali «all’atto della cessione» ai tabaccai, ma finirà per gravare sui consumatori.

Dal 1° gennaio 2020 chi ama il tabacco pagherà più tasse all’erario. Partono, infatti, le nuove imposte su filtri e cartine del fumo. A queste si aggiungono anche i rincari sulle tradizionali sigarette. Vediamo di quanto incideranno i rincari sui fumatori.

Nuove tasse

La Legge di Bilancio 2020 conferma la nuova microtassa su filtri e cartine del fumo. Il prelievo scatterà per cartine, cartine arrotolate senza tabacco e filtri funzionali ad arrotolare le sigarette.
Il rincaro è pari a 0,0036 euro per ogni pezzo contenuto nella confezione. Così un pacchetto da 32 cartine costerà 11 centesimi in più.

Rincari sulle vecchie tasse

Confermata anche la maggiore imposizione sulle sigarette tradizionali con un aumento di cinque euro al chilo dell’accisa minima sui tabacchi lavorati. Inoltre, per le sole sigarette è stato incrementato l’onere fiscale minimo di un punto percentuale (dal 95,22% al 96,22%).

Nuove accise

La manovra prevede poi nuove aliquote dell’accise per tutte le tipologie di tabacchi lavorati (sigari, sigaretti, sigarette al tabacco trinciato ecc.): sigari 23,5%; sigaretti 24%; sigarette 59,8%; tabacco trinciato a taglio fino da usarsi per arrotolare le sigarette 59%; altri tabacchi da fumo 56,5%; tabacchi da fiuto e da mastico 25,28% .



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

6 Commenti

  1. Chissà se i fumatori prima o poi saranno scoraggiati da questi aumenti e butteranno nella spazzatura questa roba tossica per la salute piuttosto che buttare in fumo la loro vita! Non si rendono conto che le sigarette sono nocive, sono la causa di tanti brutti mali oltrre che del tumore ai polmoni.

  2. Finora, i miei amici hanno sempre acquistato il tabacco e le cartine allo scopo di risparmiare. Saranno ben “felici” di sapere che ci saranno sempre più aumenti di prezzo. Ma con tutti i soldi che la gente spende per intossicarsi potrebbe fare tante altre cose. Oltre a spendere i soldi per beni materiali, potrebbero viaggiare o darli in beneficenza.

    1. esattamente come in beneficenza li darai tu? Un fumatore medio fuma 1 pacc al giorno, il che vuol dire circa 150 euro al mese. Fai questo tipo di beneficenza?
      Io da tabaccaio credo che questa manovra non farà altro che far chiudere le tabaccherie, dove non si vende solo fumo ma tutta una serie di servizi a controno

    2. Fatti i fatti tuoi….. perché un tabaccaio che ha speso fior di soldi per una tabaccheria deve chiudere? Allora comincia ad andare a piedi,smetti di bere vino, non mangiare cibi grassi così risparmiamo anche sugli ospedali!!!! Se c è una cosa che nn sopporto sono le persone come te che parlano solo per dare aria alla bocca… Io penso che tu sia una grandissima cretina!!!!!!!!!

  3. La gente che acquista cartine e tabacco è convinta di fumare di meno, perché impiega il tempo a rollarsi la sigaretta e poi la quantità è minore. E invece non è così. Perché essendo appunto una quantità minore di tabacco, non sono mai soddisfatti e fumano ogni 15 minuti. E molti accendono la sigaretta, la spengono e ne riaccendono subito un’altra. Il FUMO FA MALE ALLA SALUTE! METTETEVELO BENE IN TESTA.

  4. Imparate prima a fare i conti se prima un pacchetto da 50 cartine costava 50 Centesimi e quindi una cartina 1 centesimo oggi dovrebbe costare 1,0036 centesimi cioè 1,0036×50=50.18 Centesimi

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube