Diritto e Fisco | Articoli

Multe: se l’invalido dimentica di esporre il contrassegno su parabrezza

21 Agosto 2013
Multe: se l’invalido dimentica di esporre il contrassegno su parabrezza

Se l’invalido dimentica di esporre il regolare contrassegno “invalidi” e, ciononostante, parcheggia il veicolo negli spazi riservati alla fermata o sosta dei veicoli per persone portatrici di handicap può essere sanzionato per violazione del codice della strada?

Il codice della strada [1] prevede che, per la circolazione e la sosta dei veicoli a servizio delle persone invalide con capacità di deambulazione sensibilmente ridotta, il sindaco rilasci un’apposita autorizzazione in deroga; tale autorizzazione è resa nota mediante l’apposito contrassegno invalidi, strettamente personale e non vincolato a uno specifico veicolo.

Tale contrassegno va apposto nella parte anteriore del veicolo [2].

La ragione di tale quadro normativo è chiaramente quella di facilitare la mobilità delle persone svantaggiate, consentendo loro le stesse opportunità di mobilità di cui godono normalmente tutti i cittadini.

In relazione al quesito posto, il ministero dell’Interno ha ritenuto che la mancata esposizione del contrassegno per gli spazi riservati ai veicoli a disposizione delle persone invalide, dovuta a negligenza o caso fortuito, non può essere assimilata alla mancanza del titolo stesso [3].

L’ordinamento giuridico, peraltro, non prevede alcuna ipotesi specifica a carattere sanzionatorio nel caso di mancata esposizione del contrassegno regolarmente rilasciato.

Ciononostante, i giudici hanno ritenuto che proprio il contrassegno denota la destinazione del veicolo al servizio dell’invalido: a nulla rileva che la persona sia poi abilitata al parcheggio negli spazi riservati, dato che la norma prescrive che il relativo contrassegno venga esposto e sia ben visibile [4].

Inoltre, risulta che anche alcuni giudici di pace hanno respinto ricorsi, ritenendo che il contrassegno del veicolo al servizio di una persona invalida debba essere apposto nella parte anteriore del veicolo utilizzato dal disabile, al fine di poter esercitare la facoltà di esonero dal divieto di circolazione e sosta [5].

In conclusione, non si può essere certi di un esito favorevole in caso di presentazione di un eventuale ricorso. Infatti, la circolare del Ministero si pone in netto contrasto con quanto poi, di fatto, decidono i giudici.


note

[1] Art. 381 del regolamento di esecuzione del cod. str.

[2] Art. 12 del Dpr 503/1996.

[3] Min. Interno, circolare 300/A/42756/103/48 del 5 maggio 1999.

[4] Cass. sent. n. 8425 del 4.05.2004; Cass. sent. n. 15312 del 5.07.2006.

[5] GdP Prato, sent. n. 946 del 6.07.2007; GdP Gemona del Friuli, sent. n. 70 del 6.04.2006.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

6 Commenti

  1. Buongiorno
    vorrei avere una informazione riguardante il codice della strada.
    Durante l’ orario della pulizia delle strade nella mia città, vi è il divieto di sosta ( segnalato
    dal cartello a inizio strada con l’ orario dalle 6.00 alle 8.00 ).

    Vorrei sapere, un’ auto con il pass invalidi, che può sostare anche davanti ai passi carrabili,
    può sostare nell’ orario della pulizia? Oppure incorre nella sanzione prevista dall’ articolo 7 comma 14 ?
    Ci hanno multato proprio per aver parcheggiato l’ auto nell’ orario riportato sul cartello,
    solo che l’ auto aveva il pass invalidi.
    L’ ho contestata ma i vigili hanno detto che la multa va pagata.
    E l’ ho pagata. Anche se, come accaduto a noi, si parcheggia per qualche secondo, il tempo di uscire di casa per accompagnare l’ invalido e ti ritrovi la multa.
    Ci sono regolamentazioni diverse da Comune a Comune?

    Vi ringrazio per la vostra attenzione e per la vostra eventuale risposta.
    Cordiali saluti

    Daniele L.

    1. Questa è una risposta automatica.
      La ringraziamo per la Sua mail.

      L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

      Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi a un pagina qualsiasi del nostro portale https://www.laleggepertutti.it. In calce ad ogni articolo ivi pubblicato troverà un banner con scritto: “Richiedi una consulenza su questo argomento”. Quindi dovrà effettuare il pagamento attraverso carta di credito.

      Si tratta di un’operazione molto semplice (euro 28.00 iva compresa o, per le consulenze telefoniche, 50 euro iva compresa) che ci consente così di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

      Questa è una risposta automatica.
      La ringraziamo per la Sua mail.

      L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

      Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi a un pagina qualsiasi del nostro portale https://www.laleggepertutti.it. In calce ad ogni articolo ivi pubblicato troverà un banner con scritto: “Richiedi una consulenza su questo argomento”. Quindi dovrà effettuare il pagamento attraverso carta di credito.

      Si tratta di un’operazione molto semplice (euro 28.00 iva compresa o, per le consulenze telefoniche, 50 euro iva compresa) che ci consente così di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

  2. Buongiorno, sono vittima di attenzioni sgradite da parte dei vigili urbani della mia città, Pesaro.
    Ormai da un anno sempre alla stessa ora con cadenza quasi mensile, passa nella mia via dove ho regolare box disabili con contrassegno per mio figlio, una coppia di vigili e mi sanziona.
    I motivi?
    Sempre gli stessi , i più ridicoli, aggiungendo multe mal completamente compilate, per la fretta di riporle sul parabrezza, firme e codici illeggibili etc etc.
    Perché sono multata?
    ( Doveroso ringraziamento va al mio vicinato, per come si adoperano per il continuo passaggio “puramente casuale” davanti la mia auto, per verificare se ci sono i regolari pass di residenza e disabili,)
    doverosa risposta alla mia domanda che pongo in chiave ironica e’ :
    sanzione per :
    mancata esposizione, auto in stallo per disabili senza permesso, auto in stallo per disabili senza permesso e senza permesso ztl .
    Queste sono le tre più usate per multarmi, ma posso garantire che di fantasia ne hanno veramente tanta.
    Specifico che sono non solo titolare di contrassegno disabili ma anche di residenza ovviamente.
    Specifico che la vettura sullo stallo disabili e’ la mia utilitaria che li’ e’ rimasta anche dopo la morte recente di mio marito, una povera Fiat 600, non una Ferrari .
    Poi c’è la mia Fiat 500 che è posteggiata per mancanza di parcheggi come ogni zona del centro- ztl, davanti l auto riposta nello stallo disabili.
    Ho seguito dopo la terza multa il loro suggerimento, un cartello nell auto riposta nel parcheggio disabili , la povera e malconcia Fiat 600 ,con indicazione che sono tutte auto della persona residente in via al civico, che ho contrassegno disabili , che se guardano bene c’è tutto esposto e se il pass e’ ancora dentro l auto usata di solito e’ solo perché sto portando dentro mio figlio, lo metto in sicurezza e poi scendo e sistemo auto e pass
    …non è servito a nulla , ne il foglio, ne le raccomandate, ne le giornate perse per andare da questi soggetti .
    Allora chiedo, se qualcuno riesce a capire la mia problematica, per come l ho esposta e mi scuso per lo sfogo, ma chiedo disperatamente ,come posso fare?
    E’ vero che non l ho l obbligo di esposizione del contrassegno disabili ?
    Che dovrei fare lasciare per la strada mio figlio e sistemare le auto a suo rischio e pericolo oppure fare come faccio, prima sistemo mio figlio e poi auto e pass ?
    Non vi scrivo cosa mi hanno detto per telefono e a voce,perché vi farei inorridire.
    Aiutatemi, ditemi qualche legge che possa aiutarmi perché non ne posso più !!!!
    Grazie veramente di cuore
    CATERINA da Pesaro

    1. L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

      Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi al portale https://www.laleggepertutti.it. Sul menu di sinistra troverà, sotto la voce rossa “servizi”, l’opzione “Richiedi consulenza”.
      Lo stesso risultato si può raggiungere cliccando sulla scritta, posta sopra ogni articolo, “Richiedi consulenza su questo argomento”.

      A quel punto, il sistema La guiderà nel pagamento attraverso carta di credito, Paypal o Postepay.

      Si tratta di un’operazione molto semplice e dal modico prezzo (euro 29,00 iva compresa) che ci consente di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

    2. Buongiorno Caterina Lei deve tenere esposto il cartellino x disabili ♿ sempre, lo deve avere sul parabrezza ben visibile

  3. Caterina, dovresti venire ad abitare nel mio comune. Qui si può parcheggiare negli spazi destinati, anche senza esporre contrassegno. A me è capitato di lamentarmi perché uno senza contrassegno mi aveva impedito di parcheggiare e i vigli mi hanno detto che loro sapevano che lo possedeva, anche se non lo aveva esposto.
    Sarà vero o era una persona “conosciuta” con tanto di suv?
    Fatto sta che hanno sempre ragione loro. Rassegnati. Mi sorge un dubbio. Non è che per caso ce l’hanno con te per qualche motivo? Ad esempio, il mio contrassegno lo controllano…e quello del suv, no. E poi un altro esempio risale ai tempi in cui avevo appena preso la patente, avevo una piccola 500 di allora, a me hanno fatto la multa per divieto di sosta, alla mercedes a fianco, pure in divieto, non l’hanno fatta.
    Ti dice niente questo?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube