Cronaca | News

Sequestrati farmaci illegali provenienti dalla Cina

20 Dicembre 2019
Sequestrati farmaci illegali provenienti dalla Cina

Compresse, creme e lozioni arrivati da Hong Kong e diretti a un 40enne cinese residente a Prato.

Un’operazione contro l’importazione di farmaci illegali dalla Cina si è conclusa con un sequestro e la denuncia di un 40enne cinese. I funzionari dell’Agenzia Dogane e Monopoli e i militari della Guardia di Finanza di Pisa hanno sequestrato all’aeroporto pisano ‘Galileo Galilei’ un pacco contenente 53 scatole di farmaci illegali provenienti da Hong Kong e diretti a un 40enne cinese residente a Prato. I prodotti medicinali, in totale 424 compresse, erano accompagnati da un foglio illustrativo riportante ideogrammi in lingua cinese, che rendevano incomprensibile l’applicazione terapeutica e soprattutto la composizione farmacologica.

I farmaci sequestrati sono stati sottoposti a specifiche analisi da parte dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), che hanno consentito di accertare che si trattava di un composto proteico biologico concentrato e raffinato, contenente sangue di cervo, utilizzato per combattere l’impotenza. Le compresse, la cui importazione e commercializzazione è vietata sul territorio italiano, come stabilito dall’Aifa, sarebbero state vendute sul mercato, anche tramite siti online, a un prezzo tra i 20 e i 50 euro.

Le successive indagini di polizia giudiziaria, condotte dalle Fiamme Gialle in collaborazione con l’Agenzia Dogane e Monopoli, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Pisa, hanno portato alla perquisizione del domicilio e di un magazzino a Prato nella disponibilità del cittadino cinese, dove sono state rinvenute e sequestrate altre 250 compresse insieme a 143 creme e lozioni utilizzate come farmaci vasodilatatori. Il cinese è stato denunciato per importazione di farmaci non autorizzati e relativo commercio.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube