Infortuni in casa: parte un’iniziativa dell’Inail

20 Dicembre 2019
Infortuni in casa: parte un’iniziativa dell’Inail

Parte una campagna informativa dell’Inail per far conoscere i rischi del lavoro in casa e i benefici dell’assicurazione Inail contro gli infortuni domestici.

Manca più di un mese alla scadenza annuale del 31 gennaio per versare il premio annuale di 24 euro dell’assicurazione contro gli infortuni domestici – che è obbligatoria per chi si prende cura della casa e dei familiari in maniera abituale, esclusiva e gratuita – e adesso, come ci informa l’agenzia stampa Adnkronos, l’Inail lancia una nuova campagna di comunicazione. L’obiettivo è duplice: da un lato sensibilizzare le casalinghe (ed anche i casalinghi) sui rischi più frequenti tra le mura domestiche e dall’altro far conoscere quali sono le prestazioni garantite dalla polizza assicurativa Inail.

La campagna, che sarà diffusa per un mese circa su radio, tv, web e giornali, si basa sullo stile delle storie Instagram e infatti è stato creato l’hashtag #Perunavoltapensoame: negli spot compariranno scene ispirate ai vari pericoli presenti in casa. Saranno poi raccontate, con la tecnica dello storytelling attraverso le testimonianze di alcune casalinghe, le insidie degli ambienti domestici ed i comportamenti corretti da adottare per prevenirli.

“Diffondere la cultura della prevenzione – spiega il presidente dell’Inail, Franco Bettoni – anche all’interno delle abitazioni è tra i nostri obiettivi strategici. Grazie all’ultima revisione legislativa, inserita nella Legge di Bilancio 2019, le prestazioni erogate dall’Istituto in favore degli assicurati contro gli infortuni domestici sono migliorate e la tutela è stata estesa fino ai 67 anni d’età”. Per Bettoni, “ci si è mossi nella direzione giusta, offrendo tutela ai soggetti più fragili, perché i dati più aggiornati che abbiamo a disposizione ci dicono che a infortunarsi sono soprattutto le donne ultrasessantenni”.

“È fondamentale assicurarsi e prendersi cura della propria persona, per tutti coloro che ogni giorno si occupano della cura della casa e dei loro familiari” sottolinea Bonaventurina Fringuelli, presidente del Comitato amministratore del fondo autonomo speciale per l’assicurazione contro gli infortuni domestici. Infatti – prosegue – “il nostro impegno è quello di promuovere a tutti i livelli la cultura della prevenzione. L’obiettivo è diffondere la consapevolezza che il lavoro in casa ha lo stesso valore sociale delle attività lavorative svolte in altri ambienti”.

Istituita dalla legge 493 del 1999 l’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni domestici riconosce e valorizza il lavoro di chiunque, donna o uomo, si occupi in maniera abituale, esclusiva e gratuita dei lavori in casa. La Legge di Bilancio 2019 ha innalzato da 65 anni a 67 anni l’età che consente di usufruire della tutela assicurativa, ha abbassato dal 27% al 16% il grado di inabilità permanente necessario per la costituzione della rendita e ha introdotto una prestazione una tantum pari a 300 euro, quando l’inabilità permanente accertata è compresa tra il 6% e il 15%.

È stato, inoltre, riconosciuto l’assegno mensile per assistenza personale continuativa ai titolari di rendita per infortunio domestico che versano in condizioni menomative particolarmente gravi, mentre l’assegno una tantum per infortunio mortale è stato innalzato a 10mila euro. Un’altra importante novità, in arrivo a partire dal primo gennaio 2020, è l’attivazione di un servizio dedicato alle casalinghe e ai casalinghi nell’area servizi online sul portale Inail. I soggetti interessati, una volta effettuata la registrazione al portale, potranno verificare e gestire la propria posizione assicurativa direttamente online, compreso il versamento, entro il 31 gennaio di ogni anno, del premio annuale tramite il sistema pagoPA.


note

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube