Diritto e Fisco | Articoli

Non rimborsabili i contributi versati da uno straniero che torna nel suo Stato

20 Agosto 2013
Non rimborsabili i contributi versati da uno straniero che torna nel suo Stato

Una persona, con cittadinanza straniera, che ha lavorato in Italia per una decina d’anni, ha diritto, una volta tornata nel suo Paese, al rimborso dei contributi Inps versati? Se sì, come deve fare per richiederli?

I contributi versati in Italia potranno essere utilizzati nello Stato estero qualora risulti in essere una convenzione bilaterale, oppure se l’interessato risulti cittadino di uno dei Paesi dell’ Unione europea o della Svizzera, Islanda, Liechtenstein e Norvegia.

Le convenzioni bilaterali si fondano su tre principi fondamentali:

1) la parità di trattamento in base alla quale ciascuno Stato è tenuto ad assicurare ai cittadini degli altri Stati membri lo stesso trattamento e gli stessi benefici riservati ai propri cittadini;

2) il mantenimento dei diritti e dei vantaggi acquisiti e la possibilità di ottenere il pagamento delle prestazioni nel Paese di residenza, anche se a carico di un altro Stato;

3) la totalizzazione dei periodi di assicurazione e contribuzione, grazie alla quale i periodi di lavoro svolti nei vari Stati, e non in sovrapposizione a periodi già utili, consentono il perfezionamento dei requisiti stabiliti per il diritto alle prestazioni nel proprio Stato di appartenenza.

Al momento, pertanto, non è prevista alcuna possibilità di rimborso dei contributi versati.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Sono da Romania, ho 15 ani di contributi Inps versati con ditta individuale, e o deciso di chiudere partita iva perche qua verso quasi 4000 al anno per pensione , e in romania con la convenzione bilaterale diciamo che ho fatto sul sito del inps Ipotizza Sospensione Del Lavoro fino ad oggi e riese fuori 370 di euro al mese…che vanno nelle tasche di stato rumeno ,perche stato italiano paga 370 al mese pero lo stato rumeno ti danno per 15 anni intorno a 150 €,resto di soldi li prende stato rumeno cosi e succeso a un mio amico….e cosi tanti chiuderano per non prendere fregature da tutte le due state.
    Ideal sarebbe se lo stato italiano pagassero directamente alla persona pensionata, non al stato rumeno dove loro senza farre nulla si prendono dipiu della metta.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube