Politica | News

Una tassa di 100 euro per salvare l’Italia

21 Dicembre 2019
Una tassa di 100 euro per salvare l’Italia

Grande crisi: 5,9miliardi spalmati sugli italiani, neonati compresi che ci costeranno molto più di 100 euro a testa. 

Il Governo è alle strette non solo sul fronte politico, ma anche su quello economico. Sul tavolo del Governo c’è la grande crisi di tre grosse aziende: Ilva, Alitalia, Banca Popolare di Bari. Per riuscire a risollevarle lo Stato avrà bisogno di circa 5,9 miliardi di euro. Che non ha. A pagarli, dunque, sarà la collettività. Si stima che il salvataggio costerà circa 100 euro a testa per ogni italiano, compresi i neonati. Il che significa che ci costerà molto di più. A rivelare le cifre è Il Sole 24Ore questa mattina in edicola che avverte pure: il conto potrebbe salire ben oltre questo importo, visto che ancora nessuna soluzione è stata trovata e nessuna crisi è stata risolta. 

Per la Banca Popolare di Bari, il Governo ha già stanziato 900 milioni con il decreto legge dello scorso 15 dicembre. Una norma “salva banca” oscurata dal dibattito sulla legge di bilancio.

Poi, c’è il capitolo Alitalia che dura ormai da tempo immemore: la crisi più lunga nella storia delle aziende mondiali. Conte ha già elargito 400milioni, buttati al vento perché non sono serviti a nulla. Altri 900milioni sono stati già versati dal governo Gentiloni e sono evaporati con le perdite. Su questa somma sono maturati 145milioni di interessi fino al 31 maggio scorso, neppure questi sono stati resi al Mef. Lo Stato poi ha deciso di fare un’ulteriore regola ad Alitalia: abolire gli interessi che dal 1° giugno non sono più dovuti (previsione contenuta nel “decreto Crescita”). Il rischio è chiaramente di non vedere mai più il capitale.

Infine, c’è il capitolo più delicato: l’ex Ilva. Se il negoziato con il miliardario Lakhsmi Mittal avrà esito positivo, il Governo – come già riferito dal Sole 24 Ore – è disposto a mettere in campo un piano complessivo di 3 miliardi, tra vecchie e nuove risorse. 



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. non devi salvare i fallimenti devi creare nuovo lavoro produttivo e se no lo sai fare sei ignorante

    1. lo hai capito si che è tutto pilotato per deindustrializzare l’italia si? guardati attorno, non c’è piu nulla…la crisi è stata creata a tavolino… in america è durata pochi mesi…qua la fanno persistere volontariamente per impoverire tutti

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube