Politica | News

Sondaggio: la manovra economica divide gli italiani

21 Dicembre 2019 | Autore:
Sondaggio: la manovra economica divide gli italiani

Come gli italiani giudicano Governo, manovra economica e partiti: i dati del consenso secondo l’ultima rilevazione nel sondaggio Pagnoncelli.

Il nuovo sondaggio di Pagnoncelli, uscito oggi sul Corriere della Sera e diffuso ora dall’agenzia stampa Adnkronos, contiene sorprese sul gradimento degli italiani per le forze di maggioranza e nei confronti dello stesso Governo Conte 2. Le rilevazioni (a distanza di 3 settimane dalle precedenti) sono state effettuate nei “giorni caldi” in cui sono stati definiti i contenuti e i correttivi della manovra economica.

La litigiosità e le divisioni intercorse nel dibattito per l’approvazione della nuova legge di Bilancio 2020 non hanno giovato: i consensi della maggioranza sono calati rispetto a prima e soprattutto si sono distribuiti diversamente, in modo da cambiare i rapporti di forza reciproci, ma la maggior coesione degli ultimi giorni ha fatto recuperare, almeno in parte, la fiducia.

Governo

Nel dettaglio, per quanto riguarda l’indice di gradimento del Governo, oggi il 38% degli italiani esprime un giudizio positivo sull’esecutivo (+1% rispetto a fine novembre), mentre il 48% ne dà una valutazione negativa (in flessione di 4 punti). L’indice di gradimento sale quindi da 42 a 44. Il premier Giuseppe Conte risulta il più apprezzato dell’esecutivo ottenendo il 41% di giudizi positivi (contro il 46% di negativi) e facendo registrare lo stesso indice del mese scorso (47).

Partiti

La Lega è sempre al primo posto, ma in leggero calo, mentre il M5S in crescita e – soprattutto – recupera rispetto al Pd. A distanza di tre settimane dalla precedente rilevazione, gli orientamenti di voto registrati da Pagnoncelli fanno segnare una discreta stabilità: la Lega si conferma in testa con il 31,5% (-0,4%), seguita dal Pd (18,2%) che riduce il vantaggio sul M5S  (17,7%, in crescita di 1,1%). Al quarto posto Fratelli d’Italia al 10,3%, che precede Forza Italia (7,4%) e Italia Viva, al 5,3%.

Elezioni

Anche questo mese, rileva ancora Pagnoncelli, il dato più significativo è costituto dalla crescita dell‘area grigia rappresentata da astensionisti e indecisi, che raggiunge il 42,3%. Significa che quasi la metà degli italiani non dà un giudizio favorevole su nessuna delle attuali forze politiche, non voterebbe per loro o non voterebbe affatto. “Guardare alle percentuali dei partiti trascurando questo aspetto – spiega – produce un effetto ottico deformante, basti pensare che il 31,5% della Lega corrisponde a circa il 18% degli italiani, il 18,2% del Pd e il 17,7% del M5S a circa il 10%. Cionondimeno, molti pretendono di parlare ‘a nome degli italiani'”.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube