Biotestamento: il nuovo modello di Dat dei medici

21 Dicembre 2019
Biotestamento: il nuovo modello di Dat dei medici

L’Ordine dei Medici di Torino propone il modulo base per scrivere le disposizioni anticipate di trattamento. Rimane fondamentale il confronto con il medico di fiducia.

L’Ordine dei Medici (Omceo) di Torino mette a disposizione un modello per compilare le Dat  (Disposizioni anticipate di trattamento) del testamento biologico. L’agenzia stampa Adnkronos Salute ci informa che sul sito internet dell’Omceo Torino è stata predisposta “una sezione dove approfondire le norme, con un esempio di come può essere scritta una Dat, una bozza semplice, con le minime affermazioni necessarie e che ciascuno potrà arricchire di ogni altra disposizione”.

Nei giorni scorsi il ministero della Salute ha emanato il decreto che istituisce la Banca dati nazionale per le Dat, verrà quindi creato un registro nazionale dove saranno conservate le dichiarazioni depositate dai cittadini, all’anagrafe del comune di residenza oppure presso un notaio di fiducia. “In questo modo la legge 219 ‘Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento’, approvata dal Parlamento a dicembre del 2017, può finalmente acquisire piena efficacia”, ricorda in una nota l’Omceo. “Si tratta del testo che regola il testamento biologico e che garantisce per ogni persona la possibilità di scegliere autonomamente tra le diverse possibilità di trattamento medico, anche decidendo di rifiutare un esame o una terapia, e di farlo anche per eventuali futuri trattamenti sanitari, nel caso in cui in quel momento non si fosse in grado di comunicare la propria scelta”. La dichiarazione contenente le Dat è dunque lo strumento attraverso il quale è possibile esprimere la propria volontà.

Su come fare testamento biologico, i medici spiegano che ”Scrivere una disposizione anticipata di trattamento è una scelta estremamente delicata, per cui prima di procedere occorre essere adeguatamente informati. Riteniamo, per formulare una disposizione che corrisponda alle proprie volontà, che siano fondamentali il confronto con un medico di fiducia e l’acquisizione di tutti gli elementi utili sulle conseguenze delle proprie decisioni – spiega il presidente dell’Ordine dei Medici di Torino, Guido Giustetto – abbiamo quindi pensato di proporre un testo che possa essere una sorta di traccia per chi vorrà effettuare una Dat. La stessa legge, d’altronde, attribuisce grande rilevanza al rapporto sia di cura che di fiducia tra medico e paziente e al  consenso informato, quale punto di incontro tra l’autonomia decisionale del paziente e la competenza e la responsabilità del medico”.

Un altro aspetto molto importante è la possibilità di nominare (e successivamente anche di revocare) un fiduciario, che possa rappresentare, nel momento del bisogno, le ragioni del paziente nelle relazioni con il medico che lo avrà in cura e con la struttura sanitaria. “L’intera Dat, anche se già depositata, può essere in seguito aggiornata, modificata o revocata in qualsiasi momento. Inoltre, in occasione della sua applicazione il medico dovrà tenere in considerazione l’esistenza di eventuali nuove terapie, non prevedibili all’atto della sottoscrizione e capaci di offrire concrete possibilità di miglioramento delle condizioni di vita. In quel caso anche le indicazioni della Dat potranno essere disattese, ma solo dopo averne  discusso con il fiduciario e con il suo consenso”, conclude l’Omceo di Torino.


ESEMPIO DI DISPOSIZIONE ANTICIPATA DI TRATTAMENTO (Legge 219/2017)
Decisione Consiglio Direttivo Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della
Provincia di Torino -16 Dicembre 2019
Io sottoscritto
in condizioni di piena capacità di assumere decisioni libere e consapevoli,
dispongo che:
nel caso mi trovassi in una condizione di salute gravemente invalidante e irreversibile
ed in stato di incoscienza (coma o stato vegetativo permanente) e non fossi pertanto
in grado di esprimere le mie volontà,
□ desidero / □ non desidero essere sottoposto a trattamenti sanitari di supporto
vitale (come la respirazione artificiale, la dialisi, l’idratazione o la nutrizione
artificiale);
□ desidero / □ non desidero che siano messe in opera tutte le procedure necessarie
per alleviare il mio dolore e le mie sofferenze.
In caso la terapia non risultasse efficace a controllare dolore e/o sofferenze,
□ desidero / □ non desidero venga attuata una sedazione palliativa profonda
continua.
Sono consapevole che tali volontà sono persistenti nel tempo futuro, salvo revoca.
Nomino mio fiduciario
che mi rappresenterà nelle relazioni con medici e strutture sanitarie nel caso
diventassi incapace di esprimere ciò che desidero per me.
Data
Firma


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube