Prescrizione: la voce fuori dal coro di un famoso magistrato

21 Dicembre 2019
Prescrizione: la voce fuori dal coro di un famoso magistrato

«La prescrizione è una ghigliottina, una forma di pressione. Dunque facciamola partire», così si faranno le riforme del processo e gli investimenti necessari.

A pochi giorni dall’entrata in vigore della nuova norma sulla prescrizione dei reati – che sarà sostanzialmente abolita dal 1° gennaio 2020 – mentre in politica e nel mondo dell’avvocatura ferve il dibattito (il M5S preme per l’entrata in vigore immediata, il Pd preannuncia che presenterà una proposta di legge di modifica, e le opposizioni protestano: sarà una catastrofe) arriva oggi la voce fuori dal coro di un noto magistrato, il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri, famoso soprattutto per le sue inchieste antimafia, l’ultima delle quali è avvenuta in questi giorni con 334 arresti in Calabria e in 11 altre Regioni che hanno coinvolto esponenti della politica, del mondo economico e della massoneria: l’agenzia stampa Adnkronos ci ha riportato le sue dichiarazioni sul tema.

“Per me dal punto di vista teorico la prescrizione è una ghigliottina, una forma di pressione. Facciamola partire perché almeno questo costringerà il potere politico e il legislatore a fare le modifiche necessarie, a velocizzare i processi. Così si faranno le riforme necessarie e si investirà nella giustizia per un sistema più concreto ed efficiente”. Lo ha detto il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri a ‘L’Intervista’ di Maria Latella su Sky Tg24.

In questo modo Gratteri propone una sorta di cura omeopatica: con la riforma della prescrizione i problemi del sistema penale verranno alla luce e sarà possibile, anzi diventerà indispensabile, curarvi e porvi rimedio. Forse non è il solo a pensarla così, ma sino ad oggi è stato l’unico a dirlo con tanta chiarezza.


note

Autore immagine: 123rf.com

Evento: Giffoni Valle Piana, Sa, Italy – July 21, 2018 : Nicola Gratteri at Giffoni Film Festival 2018 – on July 21, 2018 in Giffoni Valle Piana, Italy


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube