Diritto e Fisco | Articoli

Bonus mamma

23 Dicembre 2019 | Autore:
Bonus mamma

Premio nascita: requisiti, importo, a chi spetta, come richiederlo, quando è pagato, affido e adozione internazionale, gemelli.

Il premio nascita, o bonus mamma domani, è un incentivo riconosciuto dall’Inps pari a 800 euro: l’importo spetta a tutte le madri, a partire dal compimento del settimo mese di gravidanza, ossia dall’inizio dell’ottavo mese. Può comunque essere richiesto anche dopo il parto, sino a un anno dalla nascita del bambino.

L’incentivo spetta anche in caso di affido e adozione, nazionale o internazionale.

Per il bonus mamma non sono previsti limiti di reddito: non è dunque necessaria la presentazione della dichiarazione Isee, come avviene per altri incentivi riconosciuti alle famiglie con bambini.

Il premio alla nascita può essere richiesto all’Inps anche tramite smartphone, attraverso l’App Inps mobile, come confermato da un recente messaggio dell’istituto [1]. Oltre alle cittadine italiane e comunitarie, il premio spetta alle cittadine extracomunitarie in possesso di regolare permesso di soggiorno, o aventi lo status di rifugiate, purché residenti in Italia.

Ma procediamo con ordine e facciamo il punto completo sul bonus mamma domani: chi ne ha diritto, quali sono i requisiti per ottenerlo, che cosa succede in situazioni particolari, come presentare la domanda, quando viene pagato.

Bonus mamma: requisiti

Osserviamo, innanzitutto, i requisiti previsti per richiedere il premio nascita.

La madre richiedente deve essere:

  • residente in Italia;
  • cittadina italiana, o comunitaria, o extracomunitaria; in quest’ultimo caso deve essere in possesso di un permesso di soggiorno di lungo periodo o dello status di rifugiata;
  • almeno all’ottavo mese di gravidanza, deve cioè aver compiuto il settimo mese di gestazione.

Il bonus mamma viene garantito anche alla donna che, pur avendo maturato i 7 mesi di gravidanza, non abbia portato a termine la gestazione, purché la circostanza sia provata da idonea documentazione medica, da allegare alla domanda.

Il premio spetta anche in caso di:

  • adozione nazionale od internazionale;
  • affidamento preadottivo nazionale o internazionale.

Bonus mamma: importo

L’importo del premio nascita ammonta a 800 euro per ogni figlio: in caso di gravidanza plurima (parto gemellare) deve essere, dunque, moltiplicato per il numero dei figli.

Bonus mamma: documenti domanda prima del parto

Se la madre presenta la domanda prima della nascita del bambino, deve provare il compimento del 7° mese di gravidanza, presentando alla sede Inps competente:

  • il certificato di gravidanza in originale o, nei casi consentiti dalla legge, in copia autentica; il certificato va consegnato direttamente allo sportello Inps, oppure spedito a mezzo raccomandata alla sede Inps competente, riportando il numero di protocollo e la dicitura: “Documentazione domanda di Premio alla Nascita – certificazione medico sanitaria”;
  • in alternativa, può essere sufficiente l’indicazione del numero del protocollo telematico del certificato di gravidanza rilasciato dal medico Ssn o convenzionato;
  • in alternativa, l’interessata può specificare che il certificato è stato già trasmesso all’Inps per domanda relativa ad altra prestazione connessa alla stessa gravidanza;
  • in alternativa, l’interessata può riportare il numero identificativo a 15 cifre della prescrizione medica emessa da un medico del Ssn o convenzionato, con indicazione del codice esenzione compreso tra M31 e M42 incluso, se madre non lavoratrice.

La madre straniera, per beneficiare del bonus mamma, deve presentare il permesso di soggiorno, o un valido titolo di soggiorno. In questo caso, deve inserire nella domanda:

  • il numero identificativo dell’atto;
  • l’attestazione;
  • l’autorità che lo ha rilasciato;
  • la data di rilascio;
  • il termine di validità.

Bonus mamma: documenti domanda dopo il parto

Se la domanda è presentata a parto già avvenuto, la madre è tenuta ad autocertificare nella domanda il codice fiscale del bambino (o dei bambini, in caso di parto gemellare) e le sue generalità, assieme alla sussistenza di tutti gli altri requisiti.

Per la madre straniera, è necessario presentare, come appena osservato, un valido titolo di soggiorno ed indicarne gli estremi.

Bonus mamma: documenti affido e adozione

In caso di adozione o affidamento preadottivo, deve essere allegato alla domanda il relativo provvedimento giudiziario, per attestare la data di adozione o di affidamento/ingresso in famiglia del minore.

In alternativa, è necessario che nella domanda siano riportati gli elementi che consentano all’Inps il reperimento del provvedimento presso l’amministrazione che lo detiene: tipologia, numero, data del provvedimento e autorità che lo ha emesso.

Bonus mamma: documenti affido e adozione internazionali

In caso di adozione o affidamento internazionale, deve essere accertata la data di ingresso in Italia del minore. A tal fine, bisogna indicare nella domanda i dati presenti nell’autorizzazione all’ingresso del minore nel nostro Paese, rilasciata dal Cai (Commissione per le adozioni internazionali), ossia:

  • il numero dell’autorizzazione;
  • la data dell’autorizzazione;
  • in alternativa, può essere allegata una copia digitalizzata dell’autorizzazione o un’autocertificazione contenente i dati elencati.

È inoltre necessario attestare la data di ingresso del minore in famiglia: a tal fine, va allegata la copia digitalizzata del certificato rilasciato dall’ente autorizzato, che ha curato la procedura di adozione.

Bonus mamma: documenti adozione pronunciata in uno Stato estero

Se l’adozione è stata pronunciata all’estero, alla presentazione della domanda vanno indicati:

  • gli estremi della trascrizione nei registri dello stato civile del provvedimento di adozione (tipologia, numero, data del provvedimento e autorità emittente;
  • in alternativa, è possibile allegare una copia digitalizzata dello stesso provvedimento.

Bonus mamma: come presentare la domanda

La domanda di premio alla nascita può essere presentata attraverso i seguenti canali:

  • servizi telematici Inps, accessibili direttamente dal cittadino tramite Pin dispositivo, Spid almeno di secondo livello o Cns- carta nazionale dei servizi, attraverso il portale web dell’istituto; per accedere alla domanda bonus mamma, una volta nell’area “servizi per il cittadino” ed autenticati, è necessario entrare nella sezione “domanda di prestazioni a sostegno del reddito”, e selezionare la procedura “premio alla nascita”; si può anche digitare direttamente “premio alla nascita” nella maschera di ricerca;
  • call center Inps (numero verde 803.164 o numero 06 164.164 da rete mobile);
  • servizi telematici del patronato: il patronato prescelto compila la domanda su delega dell’interessata;
  • app Inps mobile, accessibile direttamente dal cittadino tramite Pin dispositivo, Spid almeno di secondo livello o Cns- carta nazionale dei servizi.

Bonus mamma: come consultare la domanda

La domanda di premio nascita può essere consultata attraverso i servizi telematici Inps o l’app Inps mobile, accedendo al servizio descritto (percorso: servizi per il cittadino/ domanda di prestazioni a sostegno del reddito/ premio alla nascita/ consultazione domande.


note

[1] Inps messaggio 1874/2019.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube