Diritto e Fisco | Articoli

Affidamento esclusivo per figli minori (non per i maggiorenni) e obbligo di mantenimento

22 Agosto 2013 | Autore:
Affidamento esclusivo per figli minori (non per i maggiorenni) e obbligo di mantenimento

Sebbene il figlio maggiorenne possa decidere con quale dei due genitori andare a vivere, permane l’obbligo a carico di entrambi di mantenerlo finché non abbia raggiunto l’indipendenza economica.

In caso di separazione dei coniugi, per i figli vige – come regola generale – il regime dell’affidamento condiviso ad entrambi i genitori. La legge, infatti, ha relegato l’affidamento esclusivo solo ad ipotesi marginali e particolarmente delicate.

Tuttavia, si può parlare di affidamento (condiviso o esclusivo) solo se i figli sono minorenni. Infatti, in caso di prole maggiore di età, non si può fare ricorso a tale istituto.

La conseguenza è che i figli che abbiano superato i diciotto anni possono decidere, in piena autonomia, di trasferirsi dall’uno o dall’altro genitore, senza bisogno di provvedimenti da parte del giudice o di autorizzazioni da parte del genitore presso cui, fino ad allora, erano collocati.

Questo però non comporta il venir meno, in capo a entrambi i genitori (ciascuno in proporzione al proprio reddito comprensivo cioè del patrimonio personale e delle rispettive capacità di produrre reddito), del dovere di mantenere il figlio (anche se maggiorenne). Tale obbligo permane:

– finché il figlio non sia ancora economicamente indipendente

– oppure finché, pur essendo stato posto nella concreta condizione di poter essere autosufficiente, tuttavia egli non ne abbia tratto profitto per sua colpa (per esempio, se ha rifiutato offerte di lavoro in linea con le sue attitudini e formazione) [1].

Inoltre, il Giudice può sempre disporre, in favore dei figli maggiorenni non indipendenti economicamente, il versamento di un assegno periodico, da versarsi direttamente all’avente diritto.

Legittimati ad agire, per ottenere il pagamento dell’assegno di mantenimento, nei confronti del genitore onerato, sono sia il figlio se maggiorenne – in quanto diretto interessato – sia il coniuge separato o divorziato, già affidatario del figlio minorenne anche dopo il compimento della maggiore età di quest’ultimo. Il prevalente orientamento giurisprudenziale sostiene la legittimazione concorrente tra il genitore ed il figlio. Infatti, la legittimazione del figlio si fonda sulla titolarità del diritto al mantenimento mentre la legittimazione del coniuge si basa sulla convivenza con il figlio e sull’effettiva dipendenza di quest’ultimo dal genitore.


note

[1] Cass. sent. n. 13184 del 16.06.2011.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube