Diritto e Fisco | Articoli

Tesseramento partito: cosa comporta?

24 Dicembre 2019 | Autore:
Tesseramento partito: cosa comporta?

Iscrizione a un partito politico: come si fa? Chi può iscriversi a un partito? Tesserato: quali sono i principali diritti e doveri?

La partecipazione dei cittadini alla politica italiana si esprime non soltanto quando ci sono le elezioni, ma anche attraverso l’appartenenza a gruppi organizzati che, di fatto, sono i protagonisti della vita politica del nostro Paese: sto parlando dei partiti. È cosa nota che sono i grandi partiti politici italiani a scegliere che dovrà rappresentare il popolo in Parlamento e al Governo, ovviamente con il consenso dell’elettorato. Come ci si iscrive a un partito politico? Cosa comporta il tesseramento a un partito?

Con questo articolo cercheremo di rispondere a queste domande. È, tuttavia, fondamentale una premessa: ogni partito politico è libero di dotarsi di uno statuto in cui stabilire le regole principali che devono rispettare coloro che intendono iscriversi. Di conseguenza, nei paragrafi che seguiranno, vedremo ciò che, in linea di massima, può comportare l’iscrizione a un partito, rimandando alla lettura dello statuto di ogni singolo gruppo politico i diritti che il tesseramento conferisce.

Come iscriversi a un partito politico?

Il tesseramento a un partito comporta ovviamente l’iscrizione ad esso: iscrizione e tesseramento, in effetti, sono sinonimi. Come iscriversi a un partito politico? Molto semplice: è sufficiente recarsi presso la sede presente sul territorio e chiedere di essere tesserati, cioè di diventare membri effettivi del partito.

Occorrerà compilare il modulo prestampato che ti verrà dato inserendo le tue generalità (nome, cognome, residenza, ecc.), accettando le condizioni del regolamento, dello statuto e del codice etico del partito, le condizioni sulla privacy e pagando la quota di iscrizione (in genere, pari a circa dieci euro) che andrà poi rinnovata ogni anno.

Oggi, molti partiti (soprattutto quelli storici, maggiormente popolari) consentono di potersi iscrivere anche online, attraverso internet. Dunque, se vuoi iscriverti a un partito che non è presente con una sede sul tuo territorio potrai anche verificare in internet se è possibile effettuare l’iscrizione online.

In questa ipotesi, non dovrai fare altro che compilare con i tuoi dati il form che si apre nella pagina internet dedicata, caricare una copia del tuo documento d’identità (se richiesto) e selezionare la modalità di pagamento (carta di credito, ad esempio) che preferisci per versare la tua quota annuale di iscrizione.

Chi può tesserarsi a un partito?

Chiunque può tesserarsi a un partito politico, purché soddisfi i requisiti previsti nel regolamento o nello statuto: oltre a chiedere di condividere gli ideali e i principi che ispirano il partito, in genere viene imposto un limite minimo di età (ad esempio, diciotto anni) affinché si possa avere il diritto a partecipare al partito. Molti partiti politici, inoltre, chiedono di non avere procedimenti penali in corso o di non essere stati condannati in via definitiva.

Devi ricordare che un partito politico altro non è che un’associazione non riconosciuta; come ogni associazione, dunque, ai propri iscritti viene chiesto di rispettare una serie di condizioni per poter accedere; ma non solo: lo statuto impone anche dei doveri conseguenti al tesseramento al partito.

Nel prossimo paragrafo vedremo quali sono i principali diritti e obblighi derivanti dall’iscrizione a un partito politico.

Iscrizione partito: quali conseguenze?

Dal tesseramento a un partito derivano una serie di diritti e di doveri. Tra i diritti di chi si iscrive a un partito politico c’è quello a prendere parte alle riunioni, a partecipare alle votazioni interne (ad esempio, destinate ad eleggere gli esponenti locali del partito), a far parte della segreteria o del direttivo, a partecipare alle feste di partito.

Altri diritti possono essere previsti all’interno dello statuto del partito, quali:

  • avere accesso alle informazioni riguardanti la vita dell’associazione politica;
  • prendere parte alle assemblee dei circoli;
  • votare nei referendum riservati agli iscritti;
  • partecipare alle eventuali primarie;
  • partecipare alla formazione della proposta politica del partito;
  • candidarsi e sottoscrivere le proposte di candidatura a ricoprire incarichi istituzionali.

L’obbligo più rilevante che deriva dall’iscrizione a un partito è quello a versare una quota annuale (in genere di poche decine d’euro) che serve al rinnovo del tesseramento. Ciò non significa che non siano previsti anche altri doveri e, soprattutto, dei divieti; tra i più importanti ricordiamo:

  • divieto di essere in possesso di altre tessere di partito;
  • divieto di iscrizione a persone che abbiano aderito ad associazioni che comportino vincoli di segretezza o che, comunque, siano in contrasto con le disposizioni legislative italiane;
  • divieto di iscrizione e/o di candidatura a coloro che abbiano riportato sentenze definitive di condanna in sede penale per delitti non colposi;
  • dovere di prendere parte attiva alla vita del partito, promuovendone l’attività e favorendo l’ampliamento delle adesioni.

note

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Completo le informazioni facendo notare che in alcuni partiti, non esiste il divieto di essere in possesso di altre tessere di partito

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube