Diritto e Fisco | Articoli

Il medico deve parlare chiaro al malato: non basta il consenso informato

22 Agosto 2013
Il medico deve parlare chiaro al malato: non basta il consenso informato

I medici devono usare un linguaggio chiaro e adeguato alle conoscenze del singolo paziente, sulla base del suo livello culturale.

 

Il paziente che sta per andare in sala operatoria deve essere messo in condizione di comprendere pienamente i rischi dell’operazione a cui va incontro: non basta, a tal fine, la sua firma sul foglio prestampato contenente il cosiddetto “consenso informato”. Al contrario, è necessario che il medico mantenga un rapporto personale con l’ammalato.

Il paziente, in buona sostanza, ha il diritto di avere le informazioni sui rischi dell’intervento con un linguaggio chiaro e comprensibile, che tenga conto anche del suo grado culturale.

Questo principio è stato di recente stabilito da un’importante sentenza della Cassazione [1].

Nel caso deciso dalla Corte, il paziente era un avvocato e, quindi – secondo la tesi sostenuta dalla difesa – di formazione e preparazione tale da comprendere l’importanza della firma del consenso informato. I giudici, invece, di contrario avviso, hanno ritenuto insufficiente tale firma sul modulo prestampato (firma peraltro richiesta proprio a ridosso dell’operazione).

Le caratteristiche del consenso informato

Il consenso informato deve essere:

personale: ossia prestato unicamente dal paziente interessato, salvo ovviamente nei casi di incapacità di quest’ultimo;

specifico ed esplicito, reale ed effettivo, non presunto;

attuale, quando possibile.

Poiché, però, l’informativa deve essere sempre adeguata al livello culturale del malato, la sola firma del modulo prestampato potrebbe essere insufficiente a consentire al paziente una completa informazione sui rischi cui va incontro. Pertanto, a tal fine, il medico deve mantenere un rapporto con il paziente e fornirgli, anche a voce, tutte le cognizioni tecniche necessarie per renderlo edotto della terapia.

La Cassazione ha sentito la necessità di invitare i medici a usare un linguaggio chiaro “che tenga conto del particolare stato soggettivo e del grado di conoscenze specifiche”.

Difatti, come ha chiarito la Corte Costituzionale [2], il consenso informato è un vero e proprio diritto fondamentale della persona, fondato sulla nostra stessa Costituzione [3]. Esso quindi va preservato attraverso un rapporto diretto con il medico curante. E il medico ha l’onere probatorio di dimostrare, in giudizio, di aver assolto bene il suo ruolo dando informazioni dettagliate e comprensibili.


note

[1] Cass. sent. n. 19220/2013.

[2] C. Cost. sent. n. 438/2008.

[3] Artt. 2, 13 e 32 Cost.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube