Business | Articoli

Omessa IVA: soglia più alta per il reato, ma solo fino al 2011

8 Aprile 2014 | Autore:
Omessa IVA: soglia più alta per il reato, ma solo fino al 2011

Una sentenza della Corte costituzionale ha stabilito che l’omesso versamento IVA relativo ai periodi d’imposta precedenti al 2010 è reato solo l’importo non versato supera la soglia di 103.291,38 euro.

 

L’omesso versamento dell’IVA relativo ai periodi d’imposta precedenti il 2010 è reato soltanto se si supera la soglia di 103.291,38 euro e non il più basso limite, oggi vigente, di 50.000 euro.

Lo ha stabilito la Corte costituzionale che ha dichiarato incostituzionale [1] la norma che punisce come reato l’omesso versamento IVA per importi superiori a 50.000 euro [2]. La soglia più alta si applica tuttavia soltanto a chi non ha versato l’IVA relativa ai periodi d’imposta precedenti al 2010, mentre per i periodi successivi resta vigente la soglia più bassa.

La ragione sta nel fatto che fino al 17 settembre 2011 la legge sanzionava penalmente chi inoltrava all’Agenzia delle Entrate una dichiarazione infedele al fine di versare un importo IVA inferiore al dovuto, quando la somma non versata era superiore a 103.291,38 euro [3].

Chi invece comunicava correttamente l’importo IVA dovuto, ma ometteva di versarlo, commetteva reato anche per importi superiori a 50.000 euro.

La Consulta ha giudicato incostituzionale tale disparità di trattamento, considerando anche che la dichiarazione infedele è condotta più grave di chi dichiara il vero ma omette di versare l’imposta dovuta. Ha quindi stabilito che fino al 17 settembre 2011, data nella quale la soglia per la punibilità della dichiarazione infedele è stata abbassata a 30.000 euro [4], l’omesso versamento IVA debba essere punito soltanto per importi superiori a 103.291,38 euro.

Il reato di omesso versamento IVA si consuma se non si provvede al pagamento entro la data del 27 dicembre successivo a quello del relativo anno d’imposta. Di conseguenza la soglia più alta di punibilità si applica soltanto agli omessi versamenti di IVA relativi ai periodi d’imposta precedenti al 2010.


note

[1] C. Cost. sent. n. 80 del 7.04.2014  

[2] Art. 10 ter D.Lgs. n. 74/2000.

[3] Art. 4 D.Lgs. n. 74/2000.

[4] Art. 2 comma 36 vicies semel D.L. n. 138/2011.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube