Diritto e Fisco | Articoli

Acquisto di diamanti da investimento: dovuto il diritto di recesso ai privati

23 Agosto 2013
Acquisto di diamanti da investimento: dovuto il diritto di recesso ai privati

Diritto a recedere dalla vendita entro 10 giorni dalla sottoscrizione del contratto di acquisto di diamanti da investimento, anche se il prezzo del bene è sottoposto a fluttuazioni di mercato.

Nel caso di vendita di diamanti a uso investimento, il commerciante è tenuto a garantire all’acquirente il diritto di recesso entro 10 giorni dalla conclusione del contratto.

La vendita di diamanti ad uso investimento potrebbe apparentemente rientrare in una delle ipotesi di esenzione dal diritto di recesso: quella, in particolare, prevista per il caso di “fornitura di beni o servizi il cui prezzo è legato a fluttuazioni dei tassi del mercato finanziario che il professionista non è in grado di controllare” [1]. Infatti, il prezzo di tale merce è determinato sulla base del listino internazionale “Rapaport” sottoposto alla tipiche fluttuazioni di mercato.

Tuttavia, con un parere apparso su “L’Esperto Risponde” de “Il Sole 24 Ore” pubblicato su nostra stessa sollecitazione, è stato precisato quanto segue.

Il listino Rapaport è il listino internazionale della Borsa del diamante. I prezzi dei diamanti vengono generalmente determinati in base alle quotazioni di tale listino, che, peraltro, viene riconosciuto e utilizzato tra i professionisti del settore e gli operatori commerciali in ogni scambio di diamanti certificati. Per quanto sopra, il listino Rapaport dev’essere inteso come una guida nella determinazione dei prezzi tra professionisti del settore, e non come un vero e proprio listino di mercato applicabile nei rapporti con i consumatori.

Per tale motivo, nella vendita a distanza di diamanti da investimento stipulata con un consumatore, bisognerà garantire a quest’ultimo l’esercizio del diritto di recesso entro dieci giorni dalla conclusione del contratto [2].


note

[1] Previsione stabilita dall’art. 55, comma 2, lett. b) Cod. Consumo.

[2] Art. 64 Cod. Consumo.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube