Batterie a bottone: rischi per la salute

24 Dicembre 2019
Batterie a bottone: rischi per la salute

Sono inserite nei giocattoli, nelle luci natalizie e anche nei capi di abbigliamento, ma se vengono ingerite possono uccidere i bambini o provocare altri danni.

Attenzione alle piccole batterie a forma di ‘bottone‘ usate per i giocattoli, le luci natalizie e persino inserite nei maglioni lampeggianti: “vanno nascoste ai bambini, perché se ingerite possono provocare seri danni, fino al decesso”. A lanciare l’allarme, attraverso l’agenzia stampa Adnkronos Salute, sono i medici dell’Nhs, l’omologo del Servizio sanitario nazionale italiano, che citano il caso della piccola Elsie-Rose, due anni, di Barnsley. La piccola stava quasi per morire dopo aver ingerito una batteria ‘a bottone’ di un giocattolo.

“Per i più piccoli le batteria ‘a bottone’, che di solito hanno la forma di una moneta, possono sembrare dei dolcetti – spiega Stephen Powis, specialista dell’Nhs al ‘Daily Mail’ – si trovano in qualsiasi cosa: dai giocattoli, alle cartoline di Natale musicali fino alle decorazioni, quindi vogliamo assicurarci che i genitori siano consapevoli dei pericoli di queste batterie potenzialmente letali”.

Qual è allora il modo migliore per proteggere i bambini? “E’ semplicemente tenerle fuori dalla portata dei più piccoli e assicurarsi che tutti i giocattoli che richiedono la loro presenza per funzionare le abbiano saldamente bloccate nel vano dove devono stare”, risponde l’esperto.

L’Nhs suggerisce ai genitori di leggere le linee guida della Royal Society for the Prevention of Accidents (Rospa). Gli esperti consigliano di assicurarsi che i prodotti che utilizzano batterie ‘a bottone’ “abbiano scomparti che possono essere chiusi a chiave, in questo modo è difficile per i bambini andare ad aprirli”.

Se un bambino dovesse ingerire una batteria “occorre subito portarlo in pronto soccorso – avvertono gli esperti del Rospa – Non lasciargli mangiare o bere qualcosa mentre attende il trattamento e non cercare di farli rimettere”.


note

Immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube