Diritto e Fisco | Articoli

Si va in carcere per una rissa?

11 Gennaio 2020 | Autore:
Si va in carcere per una rissa?

Cosa prevede la legge nel caso di colluttazione violenta tra più persone? Quando si rischia la galera per rissa? Quando non sussiste alcun reato?

Un occhio pesto e qualche contusione: questi potrebbero essere gli esiti di una rissa per strada tra giovani scapestrati. Le cose però potrebbero andare molto peggio se qualcuno ricorresse all’utilizzo di armi: l’impiego di bastoni, coltelli o, peggio ancora, di armi da fuoco potrebbe mettere a repentaglio la vita di qualcuno dei partecipanti alla colluttazione. Cosa prevede la legge italiana a riguardo? Si va in carcere per una rissa?

La rissa è un crimine per il quale la legge prevede pene diverse a seconda degli esiti: in altre parole, mentre la semplice partecipazione a una rissa comporta una pena molto lieve, l’aver provocato conseguenze gravi all’incolumità altrui può comportare il carcere e, in casi estremi, perfino l’ergastolo. Se l’argomento ti interessa, prosegui nella lettura: vedremo insieme se si va in carcere per una rissa.

Rissa: cosa dice la legge?

Come ti ho spiegato nel mio articolo dedicato al reato di rissa, secondo il Codice penale [1] la semplice partecipazione a una zuffa è punita con la multa fino a 309 euro.

Le cose cambiano, e non poco, se a seguito della rissa sono riportare determinate conseguenze. Secondo la legge, se nella rissa taluno rimane ucciso, o riporta lesione personale, la pena, per il solo fatto della partecipazione alla rissa, è della reclusione da tre mesi a cinque anni. La stessa pena si applica se l’uccisione o la lesione personale avviene immediatamente dopo la rissa e in conseguenza di essa (pensa a colui che, durante la zuffa,  batte la testa e solamente dopo qualche ora entra in coma a causa della commozione cerebrale).

Quando si è puniti per rissa?

La legge punisce colui che partecipa alla rissa anche se dalla sua condotta non sono derivate conseguenze penalmente rilevanti. Cosa significa? Vuol dire che la semplice partecipazione a una colluttazione tra tre o più persone è punita a titolo di reato di rissa.

Come anticipato nel precedente paragrafo, la sanzione aumenta nel caso in cui nella rissa qualcuno rimane ferito a addirittura ucciso: in un’ipotesi del genere, la semplice partecipazione alla rissa è punita con la reclusione fino a cinque anni, anche se la morte o la lesione sia una conseguenza della colluttazione e, dunque, sia accaduta immediatamente dopo.

Colui che, partecipando alla rissa, provoca le lesioni o la morte di una persona, è punito altresì per il reato che ha posto in essere, cioè per l’omicidio o per le lesioni personali.

Rissa: quando si rischia il carcere?

Spiegato ciò, vediamo se si va in carcere per rissa. Possiamo affermare che la semplice partecipazione a una lite violenta difficilmente avrà come conseguenza concreta la reclusione: come visto, infatti, la partecipazione a una rissa senza feriti comporta solamente l’applicazione di una multa, mentre, nell’ipotesi di feriti o addirittura di morti, si rischia il carcere ma, considerato il minimo edittale della pena (soli tre mesi), la possibilità di concedere le attenuanti generiche, la sospensione condizionale della pena fino a due anni di reclusione e le misure alternative fino a tre, è davvero difficile che si vada in carcere anche in questa ipotesi.

Rischia la galera colui che, partecipando alla rissa, provoca concretamente lesioni personali ad altra persona, ovvero gli cagioni addirittura la morte: in casi del genere, infatti, si applicheranno le pene previste per le lesioni personali (lievi, gravi o gravissime) [2] o per l’omicidio [3].

Si va in galera per rissa?

Tirando le fila di quanto detto sinora, rispondendo alla domanda se si va in galera per rissa, possiamo affermare che:

  • per la semplice partecipazione a una rissa, cioè a una colluttazione tra almeno tre persone, il rischio di andare in carcere è nullo nel caso in cui dalla rissa non siano derivate conseguenze come lesioni o uccisioni (la pena, infatti, è solamente la multa), mentre il rischio di finire in gattabuia astrattamente sussiste (pur essendo concretamente basso) se dalla colluttazione derivi la lesione personale o la morte di una persona;
  • partecipare a una lite violenta e provocare la morte o il ferimento di una persona, invece, rende molto concreto il rischio di andare in carcere per rissa, non tanto per le pene previste per il reato di rissa, quanto perché ad esse si aggiungeranno quelle previste per i delitti di lesioni personali o di omicidio (concorso di reati).

Quando non c’è rissa?

Non c’è nessun pericolo di andare in carcere per rissa se non si prende parte attivamente alla colluttazione. La giurisprudenza ritiene che i partecipanti alla rissa devono essere animati dal reciproco intento di recare offesa agli avversari. Di conseguenza, se manca questo elemento (come nel caso, ad esempio, di uno dei gruppi antagonisti che si limita ad una difesa passiva), il reato di rissa non sussiste né a carico degli aggrediti né a carico degli aggressori [4].

note

[1] Art. 588 cod. pen.

[2] Artt. 582 e 583 cod. pen.

[3] Art. 575 cod. pen.

[4] Cass., sent. n. 5156/1992 del 04.05.1992.

Autore immagine: 123rf.com


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube