Diritto e Fisco | Articoli

Come scaricare la spesa per la ginnastica posturale: escluse le palestre

26 Agosto 2013
Come scaricare la spesa per la ginnastica posturale: escluse le palestre

Necessaria la fattura di un centro medico specializzato per detrarre, dalla dichiarazione dei redditi, le spese per la ginnastica correttiva.

 

La vita sedentaria di oggi e le posture scorrette sono causa di sempre più numerosi problemi alla schiena e alla colonna vertebrale. Si calcola che l’età tra i 30 e i 45 anni è quella più esposta a patologie come protrusioni discali ed ernie del disco. Senza contare i vari problemi costituzionali come lordosi, scoliosi, ecc.

Per prevenire e curare queste vere e proprie limitazioni fisiche – spesso fonte anche di dolori seri – si comincia a comprendere l’importanza dei centri riabilitativi e, in particolar modo, della ginnastica posturale (un tempo detta “correttiva”).

Ad essi si fa anche ricorso come percorsi riabilitativi post traumatici o post operatori (per esempio, dopo la frattura di una gamba).

Ma quando è possibile detrarre dalla dichiarazione dei redditi le spese sostenute per tali tipi di attività?

Non  sempre è facile scaricare dalle tasse, come “spesa medica”, le fatture rilasciate dai centri riabilitativi privati. Perciò è sempre necessaria la prescrizione di un medico. È inoltre necessario che la ginnastica sia stata eseguita sotto controllo medico o con un fisioterapista. In alternativa, il documento di spesa deve essere stato rilasciato da un centro medico specializzato in ortopedia. In tali casi, la spesa è certamente detraibile.

Al contrario, non è invece detraibile la ricevuta fiscale o fattura rilasciata da una palestra sportiva, anche se vi era la prescrizione medica.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA