Diritto e Fisco | Articoli

Da ora edifici a meno di 10 metri di distanza: norme derogabili

26 Agosto 2013
Da ora edifici a meno di 10 metri di distanza: norme derogabili

Meno vincoli sulle costruzioni: le normative locali potranno derogare le regole nazionali sulla distribuzione degli spazi urbanistici, sui limiti di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati.

Cade lo storico vincolo dei 10 metri di distanza tra gli edifici: il decreto “del Fare” ha appena consentito alle Regioni di autorizzare la realizzazione di edifici a meno di 10 metri l’uno dall’altro. In altre parole, gli enti locali potranno derogare alla normativa nazionale.

Si tratta di una delle tante misure contenute nel Decreto “del Fare” [1] appena convertito in legge dal Parlamento [2]. Cade quindi il principio dell’inderogabilità dei limiti delle distanze tra costruzioni che per tutti questi decenni ha regolato, in Italia, la distribuzione degli spazi urbanistici [3].

Ad oggi, la normativa nazionale, in sintesi, prevede:

per i nuovi edifici una distanza minima di 10 metri;

– per risanamenti conservativi e ristrutturazioni uno spazio non inferiori a quello tra i volumi edificati preesistenti (contati senza tener conto di costruzioni aggiuntive di epoca recente e prive di valore storico, artistico o ambientale).

A ciò, si aggiungano anche le norme del codice civile in materia di distanze rispetto a siepi, alberi, muri di cinta, pozzi, comunioni forzose, finestre, balconi, ecc..

Ebbene, da oggi, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano potranno prevedere, con proprie leggi e regolamenti, deroghe alla suddetta normativa nazionale, prevedendo quindi, anche, la possibilità di elevare fabbricati a distanze inferiori, l’uno dall’altro, di 10 metri.

Questi enti potranno, poi, dettare disposizioni sugli spazi da destinare agli insediamenti residenziali, a quelli produttivi, a quelli riservati alle attività collettive, al verde e ai parcheggi, nell’ambito della definizione o revisione di strumenti urbanistici comunque funzionali a un assetto complessivo e unitario o di specifiche aree territoriali.

note

[1] D.L. 69/2013.

[2] L. 98/2013. La legge di conversione ha, infatti, introdotto un nuovo articolo 2-bis al Testo unico dell’edilizia (Tue, Dpr 380/2001).

[3] Dm 2 aprile 1968 n. 1444. La possibilità deroga riguarda anche il codice civile.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA