Diritto e Fisco | Articoli

Reddito individuale per l’assegno di invalidità: novità dal decreto lavoro

28 Agosto 2013
Reddito individuale per l’assegno di invalidità: novità dal decreto lavoro

Per porre fine a una serie di contrasti giurisprudenziali, una nuova norma prevede che il reddito da considerare onde ottenere la pensione di inabilità è solo quello del beneficiario dell’assegno e non anche quello degli altri componenti il nucleo familiare.

 

Il nuovo decreto lavoro ha previsto importanti novità anche in materia di previdenza e assistenza [1].

Da oggi, ai fini della pensione di inabilità da parte di mutilati e degli invalidi civili, i limiti di reddito devono essere quelli con riferimento all’imponibile Irpef del medesimo soggetto beneficiario. Non vengono quindi più considerati e sommati i redditi degli altri componenti del nucleo familiare. Per ottenere il beneficio, il reddito annuo complessivo del beneficiario non deve essere superiore a 16.127,30 euro.

Per il 2013, l’assegno è previsto nella misura di 275,87 euro.

La nuova disposizione è già in vigore e si applica anche alle domande presentate prima della sua entrata in vigore (ossia prima del 23 agosto 2013), anche se non saranno riconosciuti importi arretrati e purché sulle domande non sia già intervenuto un provvedimento definitivo.


note

[1] Art. 10 DL 76/2013.


1 Commento

  1. se il soggetto in questione ha il coniuge con un reddito magari superiore a 200.000 euro, avrà un gran bisogno di 275,87 euro mensili

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA