Diritto e Fisco | Articoli

Come avere la cittadinanza americana

18 Gennaio 2020 | Autore:
Come avere la cittadinanza americana

Modalità di acquisizione della cittadinanza americana, green card e costi. Il rilascio del passaporto dopo la concessione della cittadinanza statunitense.

Hai mai sentito parlare di “american dream”, cioè di quello che più comunemente è conosciuto come sogno americano? Ebbene, da sempre gli Stati Uniti rappresentano una sorta di “terra promessa”, dove ogni desiderio può trasformarsi in realtà. Il sogno americano è la speranza che attraverso il lavoro, il coraggio e la determinazione sia possibile raggiungere un migliore tenore di vita e la prosperità economica.

In passato, questo sogno ha accompagnato intere generazioni di emigranti, partiti dall’Italia con la valigia di cartone, convinti che in America li aspettasse un futuro florido e felice. Non sempre, però, ciò è avvenuto e, spesso, si sono trovati ad affrontare ostacoli e difficoltà insuperabili. Ciò nonostante il sogno americano è sempre sopravvissuto ed ancora oggi in molti sperano di trasferirsi negli Stati Uniti definitivamente. Le ragioni possono essere di diversa natura oltre che lavorative: per ricongiungersi ai familiari che vivono già in qualche città statunitense, per amore, per iniziare una nuova vita, lontano dal nostro Paese. Perciò, coloro che per svariati motivi intendono andarsene negli States e si domandano come avere la cittadinanza americana, in quest’articolo possono trovare una risposta. Qui, infatti, verranno esaminati i casi e le procedure da seguire per diventare americani al 100%.

Quali sono i modi per ottenere la cittadinanza americana

Le leggi sulla cittadinanza americana prevedono cinque diverse modalità attraverso le quali conseguire lo status di cittadino.

Più precisamente, è possibile diventare cittadini americani per:

  • ius soli;
  • naturalizzazione;
  • derivazione;
  • acquisizione;
  • matrimonio.

Come si diventa cittadino americano per ius soli

Il primo modo per diventare cittadino americano è mediante lo ius soli, che in latino significa “diritto del territorio”, introdotto dal 14° emendamento della Costituzione degli Stati Uniti. Tale emendamento riconosce la cittadinanza americana a coloro che nascono negli Stati Uniti. In altre parole, la stessa viene fatta derivare dal luogo di nascita. Perciò, tutte le persone nate o naturalizzate negli Stati Uniti e soggette alla loro giurisdizione, sono cittadini americani e dello Stato in cui risiedono.

La cittadinanza americana mediante ius soli è concessa non solo a chi nasce sul suolo statunitense, ma anche a chi nasce in uno dei territori che appartengono agli Stati Uniti come Porto Rico, Isole Vergini, Guam e Samoa americane.

La cittadinanza americana ottenuta attraverso lo ius soli, che dura tutta la vita salvo rinuncia, si differenzia da quella che si può acquisire attraverso uno degli altri modi previsti, ad esempio per naturalizzazione o per derivazione. Inoltre, non viene influenzata dallo status dei genitori per cui lo ius soli si applica anche ai bambini nati negli Stati Uniti da genitori clandestini.

L’unica eccezione è rappresentata dai figli dei funzionari governativi stranieri che non diventano cittadini americani anche se nati negli Stati Uniti.

Come si diventa cittadino americano per naturalizzazione

Il percorso per diventare cittadino americano per naturalizzazione è lungo e complesso. Si tratta di un processo attraverso il quale un cittadino straniero diventa cittadino americano volontariamente, per sua specifica scelta.

La relativa domanda (N-400) va presentata al U.S. citizenship and immigration services (Uscis), una delle agenzie che controllano il sistema dell’immigrazione negli States. E’ comunque indispensabile avere ottenuto prima il rilascio della così detta green card.

Cos’è la green card

La green card è l’unico documento che permette a una persona di risiedere negli Stati Uniti a tempo indeterminato. Al titolare della green card vengono riconosciuti molti dei diritti di cui godono i cittadini americani come, ad esempio, quello di avere un lavoro negli Stati Uniti o di richiedere il ricongiungimento familiare. In particolare, il possessore della green card può richiedere il rilascio della carta per i membri più stretti della propria famiglia così che gli stessi possano risiedere in modo permanente negli Stati Uniti.

Tuttavia, quale residente permanente, il titolare della green card:

  • non può votare o candidarsi per essere eletto a cariche pubbliche, ad iniziare da quelle politiche;
  • non può ottenere il rilascio del passaporto statunitense o avere la doppia cittadinanza;
  • può vedere revocato il proprio diritto di residenza.

La green card ha una validità limitata nel tempo e va rinnovata ogni 10 anni. Il costo del rinnovo è considerevole, aggirandosi intorno ai 500 dollari statunitensi.

Quando è possibile la revoca della green card

E’ possibile la revoca della green card se si verifica uno dei casi sotto elencati:

  • quando lo Stato in cui risiede lo/a straniero/a dimostra che questi si è sposato/a con una/un cittadina/o americana/o solo per ottenere la green card. In questa ipotesi si parla di prova di immigrazione fraudolenta. Tuttavia, poiché è quasi impossibile dimostrare tale circostanza, solo in poche occasioni la carta è stata revocata per tale motivo;
  • nell’ipotesi di gravi violazioni della legge. Si deve trattare però, di crimini rilevanti in quanto le infrazioni di poco conto non determinano la revoca della green card;
  • per frode, se si prova che l’iter per ottenere il rilascio della carta è stato compiuto fornendo documenti falsi o lo straniero ha mentito nel compilare il modulo di ammissione;
  • per non residenza, che si ha quando uno straniero si allontana per più di 180 giorni all’anno dagli Stati Uniti.

Viceversa, è difficile che la cittadinanza venga revocata e che il cittadino americano venga espulso dal Paese salvo in caso di:

  • commissione di gravi atti di terrorismo;
  • oppure se dovesse venire provata la sua appartenenza a gruppi sovversivi come ad esempio il partito nazista o Al Qaeda.

Quali sono i requisiti per ottenere la cittadinanza per naturalizzazione?

Per ottenere la cittadinanza americana per naturalizzazione oltre a possedere una green card da almeno 5 anni, bisogna:

  • essere maggiorenni;
  • avere risieduto negli Stati Uniti per almeno 2 anni e mezzo negli ultimi 5 anni come possessore di green card. I viaggi all’estero di durata inferiore a 6 mesi non interrompono il requisito della residenza continua;
  • avere vissuto negli Stati Uniti per almeno 3 mesi prima della presentazione della domanda di naturalizzazione;
  • risiedere negli Stati Uniti senza interruzioni fino all’avvenuta naturalizzazione;
  • essere in grado di parlare, leggere e scrivere in inglese in modo sufficiente;
  • avere delle conoscenze di base sulla storia e sul governo statunitensi. In merito va precisato che occorre superare un test linguistico e di educazione civica americana, rispondendo correttamente a 6 domande su 10. In caso di esito negativo del test linguistico o di educazione civica, è possibile ripeterlo, ma solo dopo che sono trascorsi 60/90 giorni da quello già sostenuto. E’ prevista l’esenzione dall’esame per le persone anziane e per alcuni residenti permanenti di lunga durata;
  • non avere riportato condanne per crimini contro la moralità pubblica (crime involving moral turpitude).

Qual è la procedura per ottenere la cittadinanza per naturalizzazione

La procedura per ottenere la cittadinanza americana per naturalizzazione si compone di più passaggi.

Dopo la presentazione della domanda N-400 in inglese, il richiedente deve sottoporsi ad una visita biometrica. A tal proposito, l’Uscis gli invia un avviso con l’indicazione della data, del luogo e dell’ora fissati per prendere le sue impronte digitali. Successivamente, gli invia un altro avviso con il quale lo informa della data e dell’ora del colloquio per il test linguistico e di educazione civica.

Quindi, il richiedente riceve un ulteriore messaggio con la decisione sulla naturalizzazione, cioè “concessa” oppure “continua” o “negata”. In quest’ultimo caso, può presentare una nuova istanza quando sarà in possesso di tutti i requisiti richiesti.

Se, invece, la domanda continua, allora vuol dire che deve fornire all’Uscis nuovi documenti per provare la sua idoneità o se non ha superato l’esame di inglese/educazione civica o entrambi, deve riprovarli.

Se la domanda è accolta, il richiedente deve prestare giuramento di fedeltà. Pertanto, viene fissato un giorno preciso per lo svolgimento della relativa cerimonia e contestualmente per la concessione della cittadinanza.

Quali sono le eccezioni alla richiesta di naturalizzazione

I membri dell’esercito e i veterani delle forze armate che hanno dimostrato una particolare valore durante il servizio militare, possono beneficiare di una diminuzione dei requisiti richiesti per diventare cittadini americani. Possono cioè venire naturalizzati direttamente.

Tale tipo di naturalizzazione può essere anche postuma. In questa ipotesi, i requisiti richiesti sono:

  • avere prestato servizio nelle forze armate americane per almeno un anno;
  • essere un residente permanente al momento dell’esame della richiesta.

Come si diventa cittadino americano per derivazione e per acquisizione

E’ possibile acquistare la cittadinanza americana anche per derivazione o per acquisizione. Si tratta di due procedure attraverso le quali un bambino nato all’estero può ottenere la cittadinanza da un genitore che sia cittadino statunitense. Bisogna, però, possedere determinati requisiti in quanto le leggi che disciplinano la materia sono assai rigide.

Infatti, oltre alla cittadinanza, vanno considerati se il figlio è nato durante o al di fuori del matrimonio, la residenza dei genitori negli Stati Uniti prima della nascita del bambino, l’età del figlio.

Se un cittadino americano diventa genitore mentre si trova fuori dagli Stati Uniti, può richiedere la cittadinanza americana per il neonato tramite una domanda per le segnalazioni consolari di nascita all’estero (Crba).

Il Crba o modulo FS-240 è un documento del tutto simile al certificato di nascita. I figli di cittadini americani nati in Italia, acquisiscono la doppia cittadinanza italiana ed americana se almeno uno dei due genitori possiede la cittadinanza italiana.

Per richiedere un Crba prima del compimento della maggiore età del bambino, occorre rivolgersi all’Ambasciata o al Consolato degli Stati Uniti nel Paese di nascita dello stesso. Invece, dopo i 18 anni, bisogna richiedere un certificato di cittadinanza all’Uscis.

Il Crba è riconosciuto negli Stati Uniti come prova di acquisizione della cittadinanza americana ed è sufficiente per richiedere un passaporto o per iscriversi a scuola.

E’ possibile anche compilare il modulo SS-5-FS (Application for a social security card), da inoltrare alla Social security administration (SSA) e richiedere un passaporto americano per il bambino.

Come si diventa cittadino americano per matrimonio

Per avere la cittadinanza americana per matrimonio oltre ad essere sposato/a un/una cittadino/a statunitense, occorre:

  • essere maggiorenni;
  • avere la residenza continua negli Stati Uniti per almeno 1 anno e mezzo degli ultimi 3 anni come possessore di green card;
  • essere stato sposato/a con lo stesso cittadino/a americano/a durante il periodo di richiesta di cittadinanza;
  • avere vissuto negli Stati Uniti per almeno 3 mesi prima della presentazione della domanda;
  • risiedere negli Stati Uniti senza interruzioni fino all’avvenuta naturalizzazione;
  • non avere riportato condanne per crimini contro la moralità pubblica;
  • passare il test linguistico e di educazione civica statunitense.

Quanto costa richiedere la cittadinanza americana

I costi per richiedere la cittadinanza americana sono notevoli.

Nel dettaglio, le spese ammontano a:

  • 640 dollari statunitensi per la domanda iniziale;
  • 85 dollari statunitensi per la registrazione dei dati biometrici;
  • 220 dollari statunitensi di commissione per l’immigrazione all’Uscis;
  • 1.170 dollari statunitensi per il rilascio del certificato di cittadinanza.

In caso di perdita del documento di cittadinanza, la commissione da pagare per ricevere un documento sostitutivo è di 555 dollari statunitensi.

Come si ottiene il passaporto americano dopo la cittadinanza

Una volta acquisita la cittadinanza americana, è possibile richiedere il rilascio del passaporto. In tal caso, va compilato il modulo DS-11 e, quindi, vanno raccolti tutti i documenti necessari. Nello specifico, si tratta del certificato di cittadinanza e del documento di identità governativo. Inoltre, occorre fornire una foto per il passaporto di formato 2×2.

La documentazione va inviata all’ufficio passaporti locale previo pagamento di una commissione di 110 dollari statunitensi. Se la domanda viene approvata, bisogna pagare un’ulteriore commissione di 25 dollari statunitensi.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube