Presto il vaccino contro demenza e Alzheimer

31 Dicembre 2019
Presto il vaccino contro demenza e Alzheimer

Il 2020 potrà essere l’anno delle sperimentazioni sull’uomo; quelle effettuate sui topi hanno già avuto successo.

Il 2020 potrebbe essere l’anno della svolta per arrivare ad un trattamento preventivo contro la demenza e l’Alzheimer. Questo dopo i successi sui test sui topi e il possibile via libera alle sperimentazioni cliniche sull’uomo neglianni a venire. A fare il punto sui passi avanti fatti è un articolo pubblicato su ‘Alzheimer’s Research & Therapy’ e reso noto oggi dall’agenzia stampa Adnkronos Salute, che ricostruisce quanto fatto fino ad oggi, e quella che sarà la sfida nei prossimi anni, dal lavoro degli scienziati dell’Institute for Molecular Medicine e dell’Università della California (Uci) che lavorano sul vaccino anti-demenza sviluppato dall’adiuvante creato Nikolai Petrovsky della Flinders University (Australia).

“Siamo stati in grado di prevenire la perdita di memoria nei topi e ovviamente il prossimo passo è portarlo negli studi clinici sull’uomo”, ha spiegato Petrovsky, augurandosi che i test sull’uomo possano cominciare nei prossimi 18-24 mesi. Lo studio punta a trovare una nuova strada per rimuovere le placche della proteina beta-amiloide, il cui eccessivo accumularsi nel cervello è associato alla neurodegenerazione e al declino cognitivo collegati a demenza e Alzheimer. Oggi la sfida della medicina in questo campo è trovare trattamenti efficaci, biomarcatori affidabili o, appunto, strategie preventive come può essere un vaccino.

“Nel loro insieme i risultati ottenuti fino ad oggi dal nostro studio giustificano il lavoro per lo sviluppo di questa strategia di immunizzazione basata sulla tecnologia MultiTep e per l’avvio dei test su pazienti colpiti dall’Alzheimer”, spiegano gli autori principali Anahit Ghochikyan dell’Institute for Molecular Medicine e Mathew Blurton-Jones dell’Uci. Finora, molte molecole che sembravano promettenti hanno fallito il passaggio agli studi clinici. Petrovsky, che lavorerà negli Stati Uniti per i prossimi tre mesi, ha fondato la società Vaxine Pty, insieme all’Us National Institutes of Health, nata per sviluppare le tecnologie che permetteranno di arrivare ad un vaccino.


note

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube