Diritto e Fisco | Articoli

Quanti bancomat si possono avere?

1 Gennaio 2020
Quanti bancomat si possono avere?

Una persona può prestare il proprio bancomat a un’altra? Si può chiedere un duplicato della tessera associata allo stesso conto o ad altri c/c?

Hai un conto corrente al quale è associato una tessera bancomat. Anche se l’unico intestatario del deposito sei tu, spesso sei costretto a prestare la tessera magnetica a tua moglie affinché prelevi i contanti alla macchina Atm o paghi al Pos quando va a fare la spesa. Vorresti, pertanto, per una maggiore comodità familiare, avere un duplicato del bancomat. Ne hai diritto? Quanti bancomat si possono avere? Se, peraltro, tua moglie dovesse essere titolare, a sua volta, di un proprio conto con associato un ulteriore bancomat, le sarebbe interdetto l’uso anche della tua tessera?

Cerchiamo di capire come stanno le cose.

Si può usare il bancomat di un’altra persona?

Prima di capire quanti bancomat si possono avere, è bene chiedersi se una persona può utilizzare la tessera bancomat di un’altra, relativa quindi a un conto corrente non proprio. La risposta è affermativa. Non vi è alcun limite all’utilizzo di un bancomat altrui, sempre che il relativo titolare abbia dato il proprio consenso (diversamente, si commetterebbe reato).

L’eventuale utilizzo illegittimo del bancomat per fini diversi o non conformi all’autorizzazione prestata dal titolare del conto (si pensi a un prelievo non concordato o a una spesa superiore rispetto a quella consentita) determina un illecito che andrà gestito unicamente tra le parti. La banca, in altre parole, non è responsabile se il titolare del bancomat ha prestato la propria tessera a un’altra persona e questa ne ha fatto un uso non conforme. Bisognerà allora agire contro quest’ultima attraverso le normali azioni penali e civili (volte alla restituzione del denaro sottratto illecitamente).

Leggi Si può usare il bancomat di un’altra persona?

Si possono avere più bancomat collegati allo stesso conto corrente?

Una volta stabilito che non sussistono impedimenti alla possibilità di prestare la propria tessera bancomat a un’altra persona e al potere per quest’ultima – previa autorizzazione da parte del relativo titolare – di eseguire prelievi o pagamenti, vediamo se il correntista può chiedere più di un bancomat per lo stesso conto corrente. La risposta è sicuramente positiva: tanto tecnicamente quanto giuridicamente, è possibile avere più di un bancomat collegato allo stesso rapporto bancario. Tuttavia, è facoltà della banca – e non un dovere – accordare al correntista una seconda o anche una terza tessera bancomat.

Si tratta, comunque, di un secondo bancomat e non di un duplicato del primo (cosa resa evidente dal fatto che cambiano il numero e il codice segreto riportato sul retro).

Si tenga inoltre in considerazione il fatto che le condizioni generali del contratto, sottoscritte con la banca al momento di apertura del c/c, garantiscono spesso la gratuità di un solo bancomat, mentre per gli altri è previsto un costo annuale. Quindi, chi chiede un secondo bancomat per lo stesso conto dovrà corrispondere una sorta di canone. Tutto, però, come detto, dipende dalle condizioni operate dal singolo istituto di credito. Pertanto, si consiglia di chiedere prima maggiori informazioni allo sportello.

L’impossibilità di disporre di più bancomat per un singolo conto corrente potrebbe, ad ogni modo, essere superata cointestando il conto corrente in questione alla persona a cui si vuole garantire la seconda copia del bancomat. Egli, infatti, avrà diritto a una seconda tessera in quanto comproprietario. Questa scelta, però, potrebbe risultare rischiosa: la cointestazione del conto è, infatti, considerata una donazione della metà del denaro depositato in banca, salvo risulti diversamente da un accordo scritto stipulato tra le parti. I terzi però – ad esempio gli eredi dell’iniziale titolare, al momento dell’apertura della successione – potrebbero fornire la prova della simulazione con qualsiasi mezzo, ad esempio dimostrando che il conto è costituito dai proventi del reddito di uno solo dei contitolari.

Si possono avere più bancomat collegati a conti diversi?

Se è ben possibile, oltre che lecito, avere più di un bancomat collegato allo stesso conto, è altrettanto possibile e lecito avere più bancomat collegati a conti correnti differenti tra loro, accesi presso la stessa banca o presso banche diverse. Una persona, ad esempio, con tre conti correnti (due presso un istituto di credito e il terzo presso un altro ancora) può possedere uno o più bancomat per ciascuno di essi. Leggi sul punto Quanti conti correnti si possono avere?



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube