Diritto e Fisco | Articoli

Il patteggiamento non fa scattare il risarcimento del danno nel processo civile

2 Settembre 2013
Il patteggiamento non fa scattare il risarcimento del danno nel processo civile

Per ottenere il risarcimento dei danni nei confronti del responsabile che, nel processo penale, ha optato per il patteggiamento, sono necessarie ulteriori prove nell’ambito del processo civile. 

Il patteggiamento non comporta automaticamente il diritto a ottenere il risarcimento del danno nell’ambito del processo civile: è sempre necessario, invece, che il danneggiato porti, innanzi al giudice, ulteriori e concrete prove. Infatti, l’applicazione di tale rito speciale non “fa stato” (ossia non è vincolante) in sede civile.

Come noto, il patteggiamento – o anche detto “applicazione della pena su richiesta delle parti – è, nell’ambito della procedura penale, un procedimento sommario. In esso, il PM e l’imputato si mettono d’accordo e chiedono al giudice di applicare una sanzione sostitutiva o una pena pecuniaria diminuita fino a un terzo oppure una pena detentiva che, sempre diminuita di un terzo, non superi cinque anni (di reclusione o di arresto).
La Cassazione, qualche giorno fa [1], ha precisato che il patteggiamento non fa scattare automaticamente il risarcimento del danno nel processo civile in quanto sono necessarie altre prove.

La vicenda

A seguito di un grave incidente stradale, il danneggiato aveva denunciato il responsabile del sinistro. Ne era scaturito un processo penale, conclusosi con il patteggiamento da parte di quest’ultimo. Oltre a ciò, la parte lesa aveva intrapreso un giudizio civile per ottenere il risarcimento del danno portando, come prova, la sentenza di patteggiamento. Il tribunale però ha ritenuto tale elemento insufficiente. Per il ristoro economico, secondo il tribunale, il ricorrente avrebbe dovuto dimostrare l’esistenza del danno e l’imputabilità dello stesso al responsabile. Cosa che invece non era avvenuta.

La sentenza di patteggiamento – ha precisato la Suprema Corte – sebbene contenga pur sempre un’ipotesi di responsabilità – non “fa stato” in sede civile ed è, da sola, insufficiente a dimostrare l’illecito civile.

 


note

 

[1] Cass. sent. n. 19871/13.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube