Diritto e Fisco | Articoli

Come cambiare l’avvocato durante la causa: revoca e rinuncia

23 ottobre 2013


Come cambiare l’avvocato durante la causa: revoca e rinuncia

> Diritto e Fisco Pubblicato il 23 ottobre 2013



Modalità per la revoca del mandato da parte del cliente o per la rinuncia al mandato da parte dell’avvocato.

Il cliente non è vincolato a rimanere, per tutto il giudizio, con lo stesso difensore. Sia il cliente che l’avvocato possono decidere in qualsiasi momento di porre fine al rapporto. In particolare, il cliente può revocare il mandato conferito all’avvocato e questi può rinunciare al mandato conferitogli dal cliente.

Il mandato professionale tra cliente e avvocato è basato su un rapporto di “fiducia”: se il legame si spezza (magari a causa di una distrazione nella difesa, o della ripetuta indisponibilità del professionista, o per una sua manifestazione di disinteresse o, nei casi più gravi, per la violazione dei principi della difesa), l’assistito, a propria insindacabile valutazione, è libero di revocare il precedente difensore e sceglierne uno nuovo. Può farlo anche a causa già avviata.

Anche l’avvocato può fare altrettanto: se ha la sensazione di essere contestato dal proprio cliente o che le sue scelte difensive non siano condivise o se gli sono stati taciuti elementi importanti per la difesa o se non sono state onorate le sue richieste di pagamento, egli può sempre rinunciare all’incarico anche in corso di causa.

Sia in caso di revoca che di rinuncia al mandato, è buona educazione spiegare i motivi che hanno generato tale decisione, ma non è obbligatorio per legge.

In gergo, si dice che la revoca del cliente o la rinuncia dell’avvocato costituisce l’esercizio del diritto di recesso ad nutum (locuzione latina che significa ad un cenno del capo) ossia liberamente.

Vediamo ora singolarmente sia il caso di revoca del mandato da parte del cliente che di rinuncia da parte dell’avvocato.

Revoca del mandato da parte del cliente

La revoca del mandato è un atto a forma libera: il che vuol dire che non richiede formalità particolari, prestampati, moduli, formule speciali o quant’altro. Si può intimarla anche verbalmente purché direttamente all’avvocato.

Ovviamente è consigliato usare la lettera scritta, meglio ancora una raccomandata a.r., in modo da avere la prova del ricevimento da parte del destinatario e della data di invio.

Una volta che avrà ricevuto la revoca, l’avvocato dovrà necessariamente, e senza alcun ritardo, restituire al cliente, in originale, tutti i documenti che gli sono stati consegnati, gli atti da lui redatti, nonché quelli della controparte. Di tale documentazione egli può conservarne per sé una fotocopia anche contro la volontà del cliente, ma solo allo scopo di liquidare la propria parcella e, comunque, non oltre l’avvenuto pagamento.

L’avvocato ha anche l’obbligo di informare l’ex cliente circa lo stato della causa e sugli adempimenti prossimi. Ciò, generalmente, viene fatto con una lettera, in cui il professionista dettaglia lo stato del procedimento.

Il cliente ha invece l’obbligo di pagare all’avvocato i suoi onorari per l’attività svolta sino alla revoca del mandato.

A questo punto si può nominare un nuovo difensore che dovrà depositare in giudizio l’atto di nomina (cosiddetta procura). In caso diverso, tutte le comunicazioni e le notifiche processuali saranno effettuate al vecchio avvocato, come se ancora fosse in carica. Il quale ha sì l’obbligo di informare il cliente degli atti che gli arrivano, ma non più quello di difenderlo.

Rinuncia al mandato da parte dell’avvocato

L’avvocato ha sempre diritto di rinunciare al mandato. Tuttavia, poiché il recesso del professionista non deve mai risolversi in un pregiudizio per il cliente, quest’ultimo deve essere avvisato con congruo preavviso onde procedere a una sostituzione. Nel caso in cui la rinuncia arrivi a ridosso di un’udienza, l’avvocato è tenuto comunque a presenziare e, magari, chiedere un rinvio dell’udienza per consentire alla parte di scegliere un nuovo difensore.

Anche in questo caso, il legale deve comunicare al cliente lo stato della causa e restituirgli l’incartamento in originale (vedi quanto appena detto per il caso di revoca).

Se il cliente non provvede in tempi ragionevoli alla nomina di un nuovo legale in sostituzione del dimissionario, quest’ultimo non sarà responsabile per la mancata successiva assistenza, pur essendo tenuto a informare il cliente delle comunicazioni che dovessero pervenirgli.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

10 Commenti

  1. Gentilissimi, un mese fa mi sono accordata verbalmente con un avvocato per una pratica di incidente stradale. Non soddisfatta del rapporto ho chiesto che mi venisse restituita la documentazione fornita. L’avvocato mi chiede di presentare una revoca scritta del mandato, io però non ho firmato alcun conferimento! L’accordo infatti è rimasto verbale. Cosa succede in tal caso? devo firmare comunque la revoca di un mandato che non è stato formalizzato? e devo pagare anche l’eventuale parcella? In questo periodo di tempo comunque l’avvocato non mi ha mai contattato per comunicarmi lo stato della pratica o eventuali suoi passi legali.
    Grazie in anticipo per il cortese aiuto.

  2. Buongiorno scusate un informazione il mio compagno è in carcere e lui ha fatto la nomina dal carcere posso cambiarlo???o mi comporta problemi???? Help help…

  3. buongiorno un mese fa ho ricevuto tutta la documentazione dall’avvocato circa il mio sinistro e ho firmato la rinuncia della pratica adesso mi servirebbe una copia che allora non chiesi…ora ho provato a contattarlo ma non mi risponde e mi ha bloccato le chiamate che faccio vado direttamente li e se non vuole darmi una copia della rinuncia?

  4. Salve vorrei avere una risposta chiara in merito a cio’ che scrivo . Sono in causa con la mia ditta di lavoro ,perche’ ho lavorato piu’ ore del contratto e con salari piu’ bassi di quelli stabiliti dalla legge . Ho messo un avvocato il quale mi ha chiesto 600 euro e che gli ho dato poco alla volta visto che il mio stipendio era sui 400 euro in media . Abbiamo fatto la prima udienza il 31 gennaio 2017 e siccome non si sono presentati sono stati condannati in contumacia . il 30 maggio 2017 seconda udienza e non si e’ presentato nessuno della ditta , ed ‘stata ascoltata una testimone ( collega di lavoro). Ora la prossima udienza e’ fissata per novembre 2017 – Detto questo vorrei sapere se cambio avvocato cosa dovrei fare ? Siccome non ho reddito in questo momento stavo pensando ad un avvocato del patronato, dove mi hanno detto che sarebbe gratuito non avendo possibilita’ per pagare , e che solo in caso di vincita di causa loro si prendono il 5%. Volevo sapere se decido di cambiare ( per vari motivi) questo avvocato lo posso fare in qualsiasi momento ? Devo pagare penali visto che ho gia anticipato 600 euro ? Spero di essere stato chiaro e dia vere una risposta esaustiva , grazie

  5. Buongiorno,ho dato mandato a un avvocato nel dicembre 2016 per una causa che avevo per un locale.Nel gennaio 2017 lui ha rinunciato alla causa perchè la riteneva perdente. In oltre, avendo consegnato a questo personaggio 500 euro alla firma del mandato,me ne chiede 1900 nella raccomandata di rinuncia ricevuta a metà gennaio. Quasi 2400 euro per un mese! Contando che non ha prodotto nulla poichè è subentrato ad un altro collega. Questo lo trovo un comportamento altamente TRUFFALDINO visto che non ha assolutamente fatto nulla!

  6. Salve se possibile avrei bisogno di un’informazione,sono seguita da un avvocato di fiducia ,si pensava che la cosa fosse piu’ veloce ora mi trovo a non avere piu’ la possibilita’ economica di pagare l’avvocato ,posso chiedere il patrocinio gratuito tramite il mio avvocato che e’ scritto nelle liste? o cambiarlo sempre con il patrocinio gratuito?grazie

  7. E se, pendente lite, la parte in causa esita o meglio omette di nominare un nuovo difensore ?

  8. Buon giorno sono stata lasciata a casa dal mio dattore di lavoro senza giusta causa ..mi sono rivolta a un avvocato una settimana fa sé revoco impegno con avvocato cosa vado incontro … non avendo possibilità economiche mi devo rivolgere sidacati sono obligata pagare la parcella per Pec che inviato imail?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI