L’esperto | Articoli

Onere della prova lavoro straordinario: ultime sentenze

12 Gennaio 2020
Onere della prova lavoro straordinario: ultime sentenze

Scopri le ultime sentenze su: lavoro straordinario; onere probatorio del lavoratore; prova dello svolgimento dello straordinario; compenso per il lavoro straordinario.

Lavoro straordinario ed onere probatorio

La prova dello svolgimento dello straordinario e della sua effettiva entità, grava sul lavoratore che agisca per ottenere il relativo compenso e deve essere data in maniera rigorosa, senza possibilità che tale onere della prova venga sostituito da una valutazione equitativa del giudice, utilizzabile solo in riferimento alla liquidazione del quantum debeatur, sul presupposto che risulti già provato l’an. L’allegazione della prestazione di lavoro straordinario necessita della specifica indicazione del quantum di lavoro reso oltre il monte ore di lavoro ordinario.

Tribunale Modena sez. lav., 10/12/2019, n.359

Pagamento del lavoro straordinario

Ai fini del pagamento del lavoro straordinario, gli sconfinamenti in eccesso dall’orario di lavoro previsto dal contratto costituiscono l’oggetto precipuo dell’onere probatorio a carico del lavoratore che deduca di aver svolto la propria attività lavorativa oltre il normale orario di lavoro. Al riguardo, il lavoratore che domandi in via giudiziale il compenso per il lavoro straordinario deve dimostrare di aver lavorato oltre l’orario normale di lavoro, senza che la valutazione equitativa del giudice possa supplire l’assenza di siffatta prova.

Tribunale Reggio Calabria sez. lav., 09/10/2019, n.1258

Ore di lavoro svolte

Il soggetto che agisce per ottenere la corresponsione dei compensi previsti per il lavoro straordinario è gravato dell’onere di fornire prova puntuale delle ore di lavoro svolte. Tale onere probatorio investe, dunque, sia la prova dello svolgimento della prestazione lavorativa nell’orario normale, sia la prova dello svolgimento della prestazione lavorativa oltre tale orario, sia la prova dell’articolazione di tale prestazione, con riferimento ad eventuali pause godute al fine di potere puntualmente ricostruire la prestazione resa.

Tribunale Bari sez. lav., 03/10/2019, n.3889

Prova specifica delle ore lavorate in più

La prestazione di lavoro supplementare o straordinario va provata dal lavoratore in maniera specifica e rigorosa quanto alle ore lavorate in più, senza possibilità di valutazione equitativa.

Tribunale Pavia sez. lav., 12/01/2019, n.385

Lavoro straordinario e quantificazione del compenso

Il lavoratore che chieda in via giudiziale il compenso per il lavoro straordinario ha l’onere di dimostrare di aver lavorato oltre l’orario normale di lavoro, senza che l’assenza di tale prova possa esser supplita dalla valutazione equitativa del giudice, utilizzabile solo in riferimento alla quantificazione del compenso.

Tribunale Caltanissetta sez. lav., 02/10/2019, n.452

Riconoscimento del lavoro straordinario

In tema di riconoscimento del lavoro straordinario, l’onere della prova  in merito allo svolgimento di lavoro straordinario grava in capo al lavoratore il quale dopo aver dimostrato la sussistenza del rapporto di lavoro con l’azienda e l’orario normale di lavoro pattuito, deve indicare il numero di ore per le quali si è protratta la sua prestazione lavorativa oltre il tempo prestabilito.

Il lavoratore ha cioè l’onere di provare l’esecuzione della prestazione lavorativa oltre i limiti, legalmente o contrattualmente previsti. L’esposto principio costituisce proiezione del criterio guida di cui all’articolo 2967 c.c., configurandosi lo svolgimento di lavoro in eccedenza rispetto all’orario normale quale fatto costitutivo della pretesa azionata.

Tribunale Brescia sez. lav., 05/08/2019, n.401

Prestazione di lavoro supplementare o straordinario

La prova dello svolgimento di lavoro supplementare/straordinario e della sua effettiva entità, grava sul lavoratore che agisca per ottenere il relativo compenso e deve essere data in maniera rigorosa, senza possibilità che tale onere della prova venga sostituito da una valutazione equitativa del giudice, utilizzabile solo in riferimento alla liquidazione del quantum debeatur, sul presupposto che risulti già provato l’an.

Tribunale Modena sez. lav., 16/04/2019, n.65

Attività lavorativa oltre l’orario di lavoro ordinario

Il lavoratore che agisca per ottenere il compenso per il lavoro straordinario ha l’onere di dimostrare di aver lavorato oltre l’orario normale di lavoro e, ove egli riconosca di aver ricevuto una retribuzione ma ne deduca l’insufficienza, è altresì tenuto a provare il numero di ore effettivamente svolto, senza che eventuali – ma non decisive – ammissioni del datore di lavoro siano idonee a determinare una inversione dell’onere della prova.

Tribunale Foggia sez. lav., 10/01/2019, n.117

Azione per ottenere il compenso per lavoro straordinario

In tema di onere probatorio, il lavoratore che chieda in via giudiziale il compenso per lavoro straordinario ha l’onere di dimostrare di aver lavorato oltre l’orario normale di lavoro.

Tale dimostrazione presuppone la prova di aver espletato l’orario normale di lavoro e quindi di aver proseguito l’attività lavorativa oltre il suddetto orario; parimenti, il lavoratore che assume di non aver goduto delle ferie ha l’onere di provare l’avvenuta prestazione di attività lavorativa nei giorni ad esse destinati, non potendosi presumersi la violazione, da parte del datore di lavoro, del diritto del dipendente alla fruizione delle ferie stesse.

Tribunale Bari sez. lav., 19/11/2018, n.3972

Dimostrazione dello svolgimento della prestazione lavorativa

Il lavoratore che chieda, in via giudiziale, il compenso per il lavoro straordinario ha l’onere di dimostrare di aver lavorato oltre l’orario normale di lavoro e di fornire prova puntuale delle ore lavorative svolte. Tale onere probatorio concerne sia la dimostrazione dello svolgimento della prestazione lavorativa nell’orario normale, sia oltre tale orario, come anche l’articolazione della stessa.

Il lavoratore deve fornire, in maniera non generica, la prova dell’an, ovvero di aver svolto attività lavorativa straordinaria, e del quantum, relativamente alla misura quantitativa delle prestazioni di cui sopra, non potendo il giudice ovviare a carenze probatorie mediante valutazioni equitative (le quali possono venire in rilievo solo rispetto alla liquidazione del quantum debeatur, ove, però, sia stato rigorosamente provato l’an della pretesa).

Tribunale Bari sez. lav., 15/11/2018, n.3353

Lavoro straordinario: quali prove deve fornire il lavoratore?

Secondo i principi generali dettati in tema di ripartizione degli oneri probatori (art. 2697 c.c.) il lavoratore che chiede in via giudiziale il compenso per il lavoro straordinario ha l’onere di dimostrare di aver lavorato oltre l’orario normale e, quindi, di fornire la prova puntuale delle ore di lavoro svolte.

Tale onere probatorio investe, dunque, sia la prova dello svolgimento della prestazione lavorativa nell’orario normale, sia quella dell’espletamento della prestazione lavorativa oltre tale orario, sia, infine, quella dell’articolazione di detta prestazione, con riferimento ad eventuali pause godute al fine di poter puntualmente ricostruire la prestazione resa. infatti, il lavoratore-attore deve fornire non già genericamente la prova dell’an, di aver cioè svolto lavoro straordinario, ma anche la prova, sia pure in termini minimali, della collocazione cronologica delle prestazioni lavorative eccedenti il normale orario di lavoro, ovvero non solo del quanto, ma anche del quando i limiti di orario di fatto siano stati superati, senza che il giudice possa ovviare a carenze probatorie facendo ricorso a valutazioni equitative

Tribunale Terni sez. lav., 10/10/2018, n.315

Richiesta di liquidazione equitativa

Sul lavoratore che chieda in via giudiziale il compenso per lavoro straordinario grava un onere probatorio rigoroso, che esige il preliminare adempimento dell’onere di una specifica allegazione del fatto costitutivo, senza che al mancato assolvimento di entrambi possa supplire la valutazione equitativa del giudice.

(Nella specie, è stata ritenuta generica la deduzione di aver “lavorato oltre l’orario di lavoro” senza percepire “quanto dovuto a titolo di lavoro straordinario” nonché la richiesta di liquidazione equitativa ai sensi dell’art. 36 Cost.).

Cassazione civile sez. lav., 19/06/2018, n.16150

Esatta collocazione cronologica delle prestazioni lavorative eccedenti

Spetta al lavoratore, il quale chieda il riconoscimento del compenso per lavoro straordinario, fornire la prova positiva dell’esecuzione della prestazione lavorativa oltre i limiti, legalmente o contrattualmente, previsti; tale statuizione costituisce proiezione del principio guida di cui all’art. 2697 c.c., configurandosi lo svolgimento di lavoro “in eccedenza” rispetto all’orario normale quale fatto costitutivo della pretesa azionata. E che la relativa prova debba essere “piena e rigorosa” è affermazione reiteratamente, e correttamente, ripetuta nelle massime giurisprudenziali.

Grava quindi sul lavoratore, attore in giudizio, l’onere di provare non solo lo svolgimento di lavoro straordinario ma anche la sua effettiva consistenza, senza che al riguardo possano soccorrere valutazioni di tipo equitativo.

Tribunale Bari sez. lav., 13/02/2018


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube