Diritto e Fisco | Articoli

Pensione: dove si vive meglio?

8 Gennaio 2020 | Autore:
Pensione: dove si vive meglio?

Pensionato italiano che emigra in Portogallo, Tunisia, Canarie, Ungheria o in altri Stati esteri: in quale Paese conviene trasferirsi?

Con la pensione minima, in Italia, non si vive bene, anzi in molti casi non si vive affatto: pensiamo alle grandi città, come Roma e Milano, nelle quali gli affitti mensili risultano ben più elevati della pensione.

Vero è che, a seconda della situazione, si può aver diritto a dei sussidi erogati dagli enti locali, nonché alla pensione di cittadinanza: si tratta comunque di prestazioni economiche d’importo esiguo (la pensione di cittadinanza può arrivare anche a 1536 euro al mese, ma solo per le famiglie più numerose, e con disabili gravi o non autosufficienti).

Se si possiede una pensione d’importo superiore alla minima, ad esempio intorno ai mille euro mensili, poi, si può aver diritto a sussidi economici solo in gravi casi di disabilità (ad esempio alla pensione per invalidi civili totali, o all’accompagno) o in ipotesi particolari. In ogni caso, con un simile importo della pensione spesso le spese superano le entrate, specie nelle città più grandi, quindi non si vive affatto bene. Peraltro, se si supera la soglia della no tax area, pari a 8mila euro annui, la pensione italiana è tassata.

Per questi motivi, molti pensionati preferiscono trasferirsi all’estero: sono difatti in vigore delle convenzioni contro la doppia imposizione, tra l’Italia e quasi un centinaio di Paesi esteri. In base a queste convenzioni, la pensione può risultare non imponibile in Italia, ma soltanto nello Stato estero.

Per di più, in molti Paesi il costo della vita è inferiore rispetto all’Italia, e si può vivere senza essere obbligati a grandi sacrifici anche con una pensione da mille euro.

Ma con la pensione dove si vive meglio?

In realtà, non esiste un’unica risposta a questa domanda, ma il Paese da preferire varia in base a differenti condizioni:

  • innanzitutto, alla tipologia di pensione: le pensioni erogate dall’ex Inpdap, essendo riconosciute in virtù di un servizio prestato per lo Stato, restano imponibili anche all’estero, esclusi Tunisia, Senegal, Cile e Australia; i sussidi, cioè le prestazioni di assistenza, come l’assegno sociale, non sono poi esportabili all’estero;
  • bisogna poi aver riguardo all’importo della pensione in rapporto al costo della vita ed alla tassazione nello Stato estero: con un assegno di mille euro al mese si può vivere in modo soddisfacente in alcuni Paesi, ma in altri Stati l’importo può comunque essere insufficiente a causa del costo della vita, comunque elevato; una pensione più alta può essere comunque sottoposta a tassazione elevata all’estero;
  • non ultimi, devono essere considerati ulteriori fattori, alcuni soggettivi, quali la vicinanza all’Italia (per chi desidera tornare, almeno per una visita ai parenti) ed il clima (c’è chi preferisce climi più caldi, chi si adatta bene anche alle temperature rigide, la cultura, le barriere linguistiche, altri oggettivi, come la sicurezza, la possibilità di fruire di un’adeguata assistenza sanitaria e di servizi non dissimili a quelli offerti dall’Italia.

Osserviamo allora alcune tra le mete più “gettonate” dai pensionati italiani.

Pensione detassata per chi si trasferisce all’estero

Innanzitutto, è bene ricordare quali condizioni devono essere rispettate perché la pensione italiana sia detassata all’estero:

  • non essere stati iscritti nell’anagrafe delle persone residenti in Italia per più della metà dell’anno (e cioè per 183 giorni negli anni normali, 184 in quelli bisestili), con contestuale iscrizione all’Aire (anagrafe italiani residenti all’estero);
  • non avere avuto il domicilio in Italia per più di metà dell’anno;
  • non aver avuto dimora abituale in Italia per più della metà dell’anno.

Se manca anche uno solo di questi requisiti si è considerati residenti fiscalmente in Italia. Solo la Germania e la Svizzera consentono il frazionamento del periodo d’imposta, ma bisogna comunque risultare residenti in Italia per meno della metà dell’anno [1].

Si è, inoltre, considerati residenti in Italia, salvo prova contraria, se si è cittadini italiani cancellati dalle anagrafi della popolazione residente ed emigrati in un paradiso fiscale, cioè in uno Stato o territorio avente un regime fiscale privilegiato: i paradisi fiscali sono individuati con apposito decreto del Ministro delle Finanze.

Per fruire della detassazione bisogna poi presentare all’Inps:

  • il modulo CI531 – EP-I/1 ingl in originale (è disponibile anche in francese, tedesco e spagnolo);
  • l’attestazione di residenza fiscale rilasciata dalla competente autorità fiscale estera (questo documento non può essere autocertificato);
  • l’attestazione o autocertificazione di cancellazione dall’anagrafe comunale italiana/iscrizione all’Aire.

Pensionato italiano che si trasferisce in Portogallo

Sono molto numerosi i pensionati italiani che si trasferiscono in Portogallo. Come mai? Ecco i principali vantaggi:

  • la pensione Inps è tassata solo nel Paese di residenza, quindi in Portogallo, se il pensionato vi trasferisce la residenza [2];
  • il regime fiscale è maggiormente favorevole rispetto a quello italiano (coloro che prendono la residenza nello Stato portoghese ricevono la pensione lorda, senza subire tassazioni sull’assegno mensile, per ben 10 anni);
  • il costo della vita non è elevato (soprattutto al di fuori delle città più popolose);
  • il clima è mite.

Attenzione, però: la pensione e le indennità erogate quali corrispettivo di servizi pubblici (pensioni- Tfs regime ex Inpdap) sono tassate in Italia, a meno che il pensionato italiano residente in Portogallo non acquisisca la cittadinanza portoghese [3].

Le barriere culturali e linguistiche ci sono, ma non risultano insormontabili.

Pensionato italiano che si trasferisce in Ungheria

Sono abbastanza numerosi anche i pensionati italiani che si trasferiscono in Ungheria. Ecco i principali vantaggi:

  • la pensione Inps è tassata solo in Ungheria, se il pensionato vi trasferisce la residenza;
  • il regime fiscale è favorevole: è prevista una flat tax del 15%;
  • il costo della vita non è elevato, soprattutto al di fuori delle città più popolose.

Attenzione: la pensione e le indennità erogate quali corrispettivo di servizi pubblici (pensioni- Tfs regime ex Inpdap) sono tassate in Italia, a meno che il pensionato italiano residente in Ungheria non acquisisca la cittadinanza ungherese.

Il clima ungherese è piuttosto rigido, e le barriere, soprattutto linguistiche, non sono semplici da superare.

Pensionato italiano che si trasferisce in Tunisia

Molti pensionati, soprattutto ex dipendenti pubblici, si trasferiscono in Tunisia. Vediamo perché:

  • la pensione Inps è tassata solo nel Paese di residenza, quindi in Tunisia, se il pensionato vi trasferisce la residenza;
  • anche la pensione ex Inpdap è tassata solo nel Paese di residenza, quindi in Tunisia, se il pensionato vi trasferisce la residenza;
  • solo le indennità erogate quali corrispettivo di servizi pubblici (regime ex INPDAP) sono tassate in Italia, a meno che il pensionato italiano residente in Tunisia non acquisisca la cittadinanza tunisina;
  • il regime fiscale risulta maggiormente favorevole (esenzione da imposizione dell’80% della pensione italiana);
  • il costo della vita non è elevato (soprattutto al di fuori delle città più popolose);
  • il clima è mite;
  • la Tunisia è molto vicina all’Italia.

Per beneficiare dell’esenzione fiscale all’80% sulla pensione è necessario il riconoscimento dello stato di residente fiscale non abituale da parte delle autorità fiscali tunisine, che dipende dal verificarsi di tre requisiti essenziali:

  • l’interessato non deve essere stato tassato come residente fiscale in Tunisia in nessuno dei cinque anni precedenti a quello in cui lo status viene richiesto;
  • l’interessato deve possedere la residenza in Tunisia, che può essere acquisita nei casi in cui l’interessato:
    • abbia soggiornato in territorio tunisino per più di 183 giorni nell’anno, di seguito o interpolati;
    • nel caso in cui il periodo di permanenza sia inferiore ai 183 giorni, disponga in territorio tunisino di abitazione in condizioni che permettano di supporre l’intenzione di mantenerla e occuparla come residenza abituale;

Lo statuto di residente fiscale non abituale deve essere richiesto entro il 31 marzo dell’anno successivo a quello in cui l’attribuzione dello status deve produrre effetto.

È possibile ottenere lo status in qualità di residente non domiciliato in Tunisia, ma il conseguimento dipende dalla valutazione e approvazione previa da parte delle autorità fiscali tunisine.

Sino all’ottenimento dello status (le tempistiche sono mediamente pari a 6 mesi) non è possibile godere del regime di esenzione parziale dall’imposizione della pensione.

Oltre alle difficoltà legate all’ottenimento dello status, il trasferimento in Tunisia implica il superamento di barriere culturali e linguistiche non indifferenti.

Pensionato italiano che si trasferisce in Spagna o alle Canarie

Sono numerosi anche i pensionati italiani che si trasferiscono in Spagna, o alle Isole Canarie: la scelta, in gran parte dei casi, è effettuata per via del clima più mite di quello italiano, del minor costo della vita, della quasi assenza di barriere culturali e linguistiche.

La pensione Inps è tassata solo nel Paese di residenza, mentre la pensione ex Inpdap è comunque tassata in Italia.

Pensione Inps detassata: dove?

Vediamo ora quali sono i Paesi con i quali l’Italia ha concluso accordi contro la doppia imposizione, quindi nei quali la pensione Inps è detassata in Italia, qualora si risulti residenti nello Stato estero:

Albania, Algeria, Arabia Saudita, Argentina, Armenia, Australia, Austria, Azerbaijan, Bangladesh, Belgio, Bielorussia, Brasile, Bulgaria, Canada, Cina, Cipro, Congo, Corea del Sud, Costa d’Avorio, Croazia, Danimarca, Ecuador, Egitto, Emirati Arabi, Estonia, Etiopia, Federazione Russa, Filippine, Finlandia, Francia, Georgia, Ghana, Germania, Giappone, Giordania, Grecia, Hong Kong, India, Indonesia, Irlanda, Islanda, Israele, Ex Jugoslavia (Bosnia Herzegovina, Serbia e Montenegro), Kazakhistan, Kuwait, Lettonia, Libano, Lituania, Lussemburgo, Macedonia, Malaysia, Malta, Marocco, Mauritius, Messico, Moldova, Mozambico, Norvegia, Nuova Zelanda, Oman, Paesi Bassi, Pakistan, Polonia, Portogallo, Qatar, Regno Unito, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Romania, San Marino, Senegal, Siria, Singapore, Slovenia, Spagna, Sri Lanka, Stati Uniti, Sudafrica, Svezia, Svizzera, Tanzania, Thailandia, Trinidad, Tunisia, Turchia, Ucraina, Uganda, Ungheria, Ex Unione Sovietica (Kirghisistan, Tagikistan e Turkmenistan), Uzbekistan, Venezuela, Vietnam e Zambia.

Pensione Inpdap detassata: dove?

Risultano meno fortunati i pensionati ex dipendenti pubblici: la quasi totalità degli accordi contro la doppia imposizione, difatti, non prevede la detassazione delle pensioni degli statali all’estero, in quanto derivante da un servizio pubblico e tassata presso lo Stato erogante, l’Italia appunto, salvo il caso in cui il pensionato acquisisca non solo la residenza dello Stato estero, ma anche la cittadinanza.

Sono comunque detassate, qualora si trasferisca la residenza all’estero, senza necessità di acquisire la cittadinanza, le pensioni ex Inpdap presso i seguenti Paesi: Australia, Tunisia, Senegal, Cile.


note

[1] Ris. 471/E/2008.

[2] Art. 18 convenzione contro la doppia imposizione Italia- Portogallo.

[3] Art. 19 convenzione contro la doppia imposizione Italia- Portogallo.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube