Inflazione: i nuovi dati Istat

7 Gennaio 2020
Inflazione: i nuovi dati Istat

Federconsumatori: «il potere di acquisto continua a ridursi e diventa quindi sempre più difficile sostenere le spese quotidiane».

L’Istat ha appena pubblicato i dati relativi all’andamento dell’inflazione. In media, nel 2019, i prezzi al consumo registrano una crescita dello 0,6%, dimezzando quella del 2018 (+1,2%). Al netto degli energetici e degli alimentari freschi (l’“inflazione di fondo”), la crescita dei prezzi al consumo è stata dello 0,5% (da +0,7% dell’anno precedente).

La lieve accelerazione dell’inflazione nel mese di dicembre è imputabile prevalentemente all’inversione di tendenza dei prezzi dei beni energetici non regolamentati (che passano da -3,0% a +1,6%).

Come riporta una nota stampa dell’Adnkronos, Federconsumatori ha commentato così i dati diffusi dall’Istat: «Il cosiddetto ‘carrello della spesa’, che include i prodotti a maggiore frequenza di acquisto, segna un incremento del +0,8% su base annua. Queste percentuali si traducono in aggravi di +148 euro annui per una famiglia tipo, di cui 46 euro solo nel settore alimentare».

Lo stesso Istituto di Statistica, rileva l’associazione dei consumatori, «ha inoltre riscontrato che nel terzo trimestre 2019 la spesa per i consumi si è rivelata più alta rispetto al reddito disponibile. Una rilevazione che purtroppo non ci sorprende, visto che si tratta di un andamento che segnaliamo da tempo: già nel report su redditi e consumi realizzato dall’Osservatorio Nazionale Federconsumatori abbiamo evidenziato che nel quinquennio 2013-2018 il reddito medio è cresciuto del +4,4% (3,8% al netto dell’inflazione) a fronte di un aumento della spesa del +6,4%. Ciò significa che il potere di acquisto continua a ridursi e che diventa quindi sempre più difficile sostenere le spese quotidiane».

Alla luce di tali dati, conclude, «è evidente l’urgenza di misure finalizzate al rilancio della domanda interna, in particolare rendendo più incisivo il taglio del cuneo fiscale. È altrettanto urgente, inoltre mettere in atto un piano che restituisca vitalità all’occupazione, investendo in ricerca, innovazione e sviluppo».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube