Diritto e Fisco | Articoli

Benzina e gasolio: nuova stangata sui prezzi

7 Gennaio 2020
Benzina e gasolio: nuova stangata sui prezzi

Il Codacons lancia l’allarme rincari legati al caro-benzina.

L’inflazione rialza la testa a dicembre. Il presidente del Codacons, Carlo Rienzi, fa notare come il “rialzo dei listini di benzina e gasolio ha fatto impennare l’inflazione, che a dicembre risulta più che raddoppiata rispetto al mese precedente”.

Il rischio concreto ora, aggiunge Rienzi, “è quello di una ondata di rincari per prezzi e tariffe in tutti i settori, determinata sia dal caro-carburanti, sia dalle speculazioni che saranno messe in atto: costerà di più non solo fare il pieno alla propria automobile, ma anche fare la spesa e acquistare frutta, verdura e generi alimentari, considerato che in Italia l’86,5% dei prodotti viaggia su gomma, e che i costi di trasporto incidono per lo 0,5% sui listini al dettaglio. Sarà più caro viaggiare e spostarsi e anche le bollette energetiche potrebbero subire a breve una stangata, con danni diretti per le tasche dei consumatori”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

4 Commenti

  1. Manca a livello nazionale Un’autorità di controllo seria.
    Sarebbe ora di fare pulizia negli uffici ove si tira a campà senza conoscere le reali esigenze del Paese che negli ultimi vent’anni ha conosciuto suo malgrado un lento ma inesorabile degrado lasciando gli italiani di fronte ad una grave crisi che ha impoverito l’ultimo gradino della scala
    commerciale.
    Termino credendo che a fronte di un 25% tra ricchi e benestanti il restante 75% debba subire ogni giorno l’arroganza di chi conosce le reali esigenze del popolo

    1. trovo la tua critica logica e coerente, senz’altro reale viste le situazioni che sono presenti nel nostro paese

  2. A voglia a stangare, gli italioti hanno soldi a palate, un popolo di menefreghisti e fannulloni accumulatori, piangono tutti che non hanno soldi, ma poi sono sempre in giro, le strade sempre più trafficate a qualsiasi ora con macchinoni e suv sempre più grossi, locali che se non prenoti sono sempre pieni, agenzie di viaggi sempre in attivo, iphone ultimo modello da 1500 euro in sù, altro che crisi e stangate, fosse per me a certa gente glie le darei volentieri le stangate, ma in bocca!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube