Lo scontrino elettronico costa caro agli esercenti

7 Gennaio 2020
Lo scontrino elettronico costa caro agli esercenti

Ai costi per l’acquisto del registratore telematico si aggiungono quelli per la formazione e per la connessione internet; anche sbagliare uno scontrino può costare caro.

Dal 1° gennaio è entrato in vigore l’obbligo del cosiddetto scontrino elettronico, un’operazione complessa per la quale ci sono ancora 6 mesi di tempo per adeguarsi. L’avvio morbido dell’obbligo non ha comunque evitato il diffondersi di preoccupazioni e dubbi. L’allarme è lanciato oggi dalla Confesercenti di Prato, che in una nota all’agenzia stampa Adnkronos espone i problemi per gli esercenti e l’aggravio dei costi a loro carico.

”La gran parte dei nostri associati si è adeguata in tempo – afferma Mauro Lassi, presidente Confesercenti Prato – e la transizione dal vecchio scontrino fiscale a quello elettronico è in gran parte compiuta. In questi giorni lo scontrino elettronico ha debuttato in molti esercizi commerciali e anche su molti banchi dei mercati, grazie all’informazione e alla formazione che la nostra associazione ha dato con i tanti corsi gratuiti ai quali hanno partecipato molti imprenditori e alla consulenza costante garantita da uno staff di consulenti dedicati”.

Ad ogni modo, Lassi non sottovaluta il problema: ”Per le piccole realtà l’acquisto del registratore di cassa telematico non è stato semplice. Non solo per il costo. Il prezzo si aggira sui 500 euro. Ma anche per l’installazione e per imparare a usarlo. Di fatto, si tratta ancora di spese per le piccole imprese, che devono dotarsi di registratore di cassa telematico e molti anche di una connessione a Internet“.

“Non ci siamo ancora abituati alla fatturazione elettronica, che ci piomba addosso questo nuovo adempimento, che oltretutto va a colpire anche chi il registratore di cassa non ce l’ha mai avuto, perché fino ad ora rilasciava una semplice ricevuta cartacea”, aggiunge Lassi.

Per il cliente è cambiato poco, spiega la Confesercenti Prato: alla cassa, invece del solito scontrino, gli viene rilasciato un documento commerciale che può usare per resi e garanzie; per i commercianti, invece, è una rivoluzione digitale. Il registratore di cassa memorizzare trasmette telematicamente gli scontrini all’Agenzia della Entrate. “Pertanto, se si sbaglia a battere -spiega l’associazione- uno scontrino è un vero incubo rimediare”.

Purtroppo – continua Lassi – non è ancora finita. Da luglio partirà anche la lotteria degli scontrini. L’obiettivo della lotteria, secondo il governo, è lo stesso dello scontrino elettronico, ovvero contrastare l’evasione fiscale. La logica è chiara, il contribuente sarà motivato a richiedere lo scontrino all’esercente, con la ‘promessa’ della possibilità di partecipare all’estrazione di premi di importo importante”.

“Per ora, però, è solo un rompicapo sia per gli esercenti ma soprattutto per i clienti -rimarca il presidente di Confesercenti Prato- che dovranno vedersela con credenziali valide, iscrizioni on line e codici lotteria”.

“Ma dopo tutta questa burocrazia e nuovi costi si riuscirà a fermerà l’evasione? Siamo davvero certi che la lotta all’evasione passi allo scontrino telematico? O deve forse partire dall’obiettivo di far pagare le tasse ai giganti tecnologici e a far dialogare tra loro le banche dati che oggi non comunicano?”, conclude Lassi.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Buonasera, a me non risulta che ci sia stata alcuna proroga di 6 mesi per l’adozione del registratore di cassa telematico. L’avvio è partito il 1 gennaio senza concessione di altro tempo per adeguarsi. Le chiedo gentilmente di accertarmi la norma che tratta questa presunta proroga. Grazie anticipatamente. Maria Stuppia

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube