Diritto e Fisco | Articoli

Cani in spiaggia: il Comune deve destinare spazi idonei

3 Settembre 2013
Cani in spiaggia: il Comune deve destinare spazi idonei

È legittima l’ordinanza del Comune che vieta gli animali sulle spiagge, ma l’ente è comunque tenuto ad adeguarsi al più presto all’accordo Stato-Regioni per la pet therapy.

È valido il provvedimento del Comune che vieta cani in spiaggia, a condizione però che l’ente assicuri comunque sugli arenili spazi appositi agli animali in base all’accordo Stato-Regioni per la pet therapy. Lo ha appena stabilito il Tar del Lazio [1].

L’ordinanza di un Comune vietava, durante la stagione balneare (ossia dal 1 maggio al 30 settembre), l’accesso degli amici quadrupedi alle spiagge libere. Contro di essa è così insorta l’associazione ecologista Earth.

Il Tar del Lazio ha ritenuto valido il divieto comunale, anche a tutela dei bagnanti e del turismo, tuttavia ha ricordato un aspetto non meno importante. In base a un accordo Stato-Regioni del 2006, i Comuni sono tenuti a individuare tratti di arenile da destinare all’accoglienza temporanea di animali da compagnia, con strutture per le quali il servizio veterinario dell’Asl competente per territorio rilascia il nulla-osta sanitario a garanzia del benessere degli animali e del rispetto dell’igiene pubblica. I Comuni che hanno recepito l’accordo, devono quindi adeguarsi al più presto ad esso, destinando aree dedicate ai cani e agli altri amici dell’uomo.

L’ordinanza con il divieto di accesso resta dunque valida, ma l’Ente può essere condannato se non ha adibito gli spazi “ad hoc” per gli animali.


note

[1] TAR Lazio, ordinanza n. 3204/13.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube