Diritto e Fisco | Articoli

Condominio: spese sul decoro a carico di tutti, anche in caso di più edifici

31 Ottobre 2013
Condominio: spese sul decoro a carico di tutti, anche in caso di più edifici

Le spese relative al decoro architettonico di un condominio costituito da più palazzi, in quanto “bene comune”, devono essere sostenute da tutti i proprietari, anche da quelli degli altri stabili.

Quando il condominio è composto da più edifici, le spese relative al decoro architettonico effettuate su uno solo degli edifici devono essere divise tra tutti i condomini e, pertanto, sono a carico anche di quelli che vivono negli altri stabili. Lo ha precisato la Cassazione in una sentenza dello scorso mese di luglio [1]. La sentenza ha annullato due delibere condominiali riguardanti l’esecuzione di lavori di manutenzione di più edifici (un immobile principale e due palazzine poste sul fondo del cortile interno) facenti parte del medesimo condominio.

Quando il condominio è composto da più edifici, le spese che riguardino solo uno di questi sono sostenute solo dai proprietari interessati (così, per es., il rifacimento della copertura del tetto, delle tubature condominiali, il rifacimento dei pluviali, l’intonaco dei muri perimetrali, ecc.). Tale principio, però, non si applica  nel caso in cui le spese riguardino il decoro architettonico (fregi ornamentali, targhette citofoniche, lampade a braccio) della facciata o dello stabile principale, perché si tratta di “bene comune” (sia sotto il profilo estetico, sia, soprattutto, sotto il profilo economico) a tutto il complesso condominiale. Quindi, le spese devono essere ripartite tra tutti i condomini, inclusi i proprietari delle unità immobiliari che si trovano nelle due palazzine separate.


note

[1] Cass. sent. n. 17875 del 23.07.2013.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube