Cronaca | News

Ilva, polemiche sull’altoforno

8 Gennaio 2020
Ilva, polemiche sull’altoforno

È vecchio e mette a rischio la vita degli operai: così il presidente della Regione Puglia, che indica la strada della decarbonizzazione dell’Ilva di Taranto.

All’indomani della decisione del Tribunale del Riesame che ha autorizzato la riapertura dell’altoforno numero 2 negli stabilimenti Ilva di Taranto, interviene il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano che oggi ha incontrato la stampa a Bari per fare il punto sulle questioni. Per Emiliano l’altoforno è vecchio e mette a rischio la vita degli operai. L’agenzia stampa Adnkronos ha diffuso le sue dichiarazioni di oggi.

”Noi difendiamo i pugliesi costi quello che costi: sull’ex Ilva non ci accontentiamo di una sentenza del Riesame che sta consentendo la prosecuzione dell’attività della fabbrica con un altoforno vecchio e che rischia comunque di continuare a inquinare e a mettere a rischio la vita degli operai. Noi chiediamo al Governo di superare questa sentenza del Riesame e di iniziare immediatamente la decarbonizzazione della fabbrica”.

Decarbonizzare la fabbrica – ha aggiunto – significa chiudere le fonti inquinanti: e quindi per questa posizione voglio ringraziare il Presidente del Consiglio Conte e anche il segretario del mio partito Zingaretti, che hanno cambiato radicalmente la posizione sulla questione Ilva andando nella direzione della decarbonizzazione indicata dalla Regione Puglia. Io rivendico che questa posizione – ha sottolineato Emiliano – è stata tenuta solo dalla Regione Puglia per anni e che solo da qualche settimana a questa parte è diventata la posizione comune a Partito Democratico e Movimento Cinque Stelle: due soggetti politici che ci hanno sempre attaccato violentemente, per ragioni diverse, quando la Puglia parlava della decarbonizzazione quattro anni e mezzo fa”.


note

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube